Il portale della musica Indie italiana

“Ciao, mi chiamo Johnny Marr e suono in una band. Abbiamo registrato un pezzo e ci piacerebbe farlo uscire per la tua etichetta”.

Così andò l’incontro tra l’allora ventenne Johnny Marr e il CEO della Rogh Trade, etichetta indipendente attiva all’inizio degli anni 80 di base a Londra.

Il pezzo era “Hand in glove” e l’incontro è avvenuto il 6 Maggio. Una settimana più tardi il singolo era nei negozi, marcato Rough Trade.

Sarebbe stato il primo passo di molti che avrebbe portato la band in giro per il mondo.

Lo stile di Marr e i versi di Morrissey avrebbero dato vita a parecchi altri brani decisamente memorabili come “How soon is now”, “Big mouth strikes again”, “Panic” e su tutte, “Please, please, please”.

Oggi la band non esiste più ma Marr e Morrissey continuano la loro vita artistica. Il chitarrista sarà anche sul palco del nostro ToDays Festival.

Tutto però, iniziò da lì.