Il portale della musica Indie italiana

Stando alle parole di Mimmo D’Alessandro, fondatore con Stefano Galli della celebre “D’Alessandro e Galli”, il rischio c’è.

D’Alessandro parla con la cognizione di una carriera che lo ha visto organizzatore di live di calibro con nomi quali Rolling Stones, Roger Waters, Lenny Kravitz ecc.

Il primo emendamento al voto oggi, propone l’introduzione di un biglietto nominale, il cui controllo è a carico degli organizzatori del live, i quali dovranno adottare gli strumenti necessari a questa verifica.

Il secondo emendamento, impone agli operatori attivi sul mercato primario come TicketOne, Ticketmaster, Vivaticket e altri, l’obbligo di fornire servizi di vendita tra privati “agendo da intermediari e provvedendo alla modifica dei dati richiesti dal presente articolo”.

Uno scenario che avrebbe certamente delle complessità e dei costi aggiuntivi.

All’estero gli Iron Maiden hanno adottato il “paperless ticket”, un biglietto elettronico che è valido solo se l’acquirente si presenta sul posto, con un documento di identità e la carta di credito con cui ha acquistato il biglietto. Grazie a questa metodologia, la band britannica ha dichiarato di aver abbattuto del 95% il bagarinaggio on line legato si suoi live.

Un bel risultato senz’altro. Ad ogni modo bisogna essere realistici e pratici.

I concerti sono momenti magici che oggi costano anche cari.

Prendere un aereo o un treno è molto più semplice che non accedere ad un concerto.

Se i politici parlassero con gli organizzatori e se ci fosse una reale volontà di risolvere, probabilmente si potrebbe fare qualche passo avanti, grazie anche alla tecnologia oggi a nostra disposizione. Bisognerebbe avere la volontà di spezzare un sistema malato e di lavorare in armonia tra le parti a vantaggio di artisti, pubblico e organizzatori.

Speriamo succeda. Oggi ad ogni modo si vota l’emendamento Battelli che a parere di chi scrive, più che trovare reali soluzioni, scarica le responsabilità sugli altri attori in scena, dimenticando che il settore della musica live vale almeno un miliardo di Euro per il nostro paese e che pertanto, andrebbe tutelato e supportato.