Il portale della musica Indie italiana

Circa 2 ore e mezza al giorno. Stando al Music Consumer Insight Report di quest’anno, è questo il tempo che dedichiamo all’ascolto di musica.

Lo studio ha analizzato il comportamento di soggetti compresi tra i 18 e i 64 anni nei 20 mercati di riferimento nel mondo.

Ovviamente è lo streaming a farla da padrone, utilizzato dall’86% degli utenti.

L’Italia non fa eccezione, infatti il 49% dei fruitori di musica, utilizza YouTube mentre il restante 10% altri siti. Il 17% utilizza un servizio di audio streaming a pagamento e il 24% utilizza un servizio audio streaming gratuito. Gli ascolti, nel 94% dei casi, avvengono tramite uno smartphone. Un dato interessante è che nei giovani di età compresa tra i 16 e i 24 che ascolta musica attraverso uno smartphone, il 52% utilizza un servizio streaming a pagamento.

Gli artisti maggiormente ascoltati sono quelli locali, qui come altrove.

“Quest’anno il Music Consumer Insight Report svela come la musica registrata sia parte integrante della vita dei fan in tutto il mondo: continua a essere fruita attraverso formati, generi e tecnologie differenti, diventando sempre più accessibile.” ha dichiarato Frances Moore, CEO dell’IFPI, l’organismo che ha rilasciato questa indagine.

L’indagine, molto interessante, sottolinea però due punti importanti.

Il primo è che la musica presa in esame, fruita soprattutto in auto, è quella registrata. Non si menzionano i live che esistono in ogni città, ogni giorno e che potrebbero aggiungere qualche ora a questa media, con il vantaggio di immergerci in un contesto che ci permette di socializzare e incontrare persone, cosa che in auto non è così semplice.

Il secondo è che a farla da padroni sono gli artisti nazionali. Questo secondo punto è interessante perché sottolinea che oggi, con le infinite possibilità di conoscere e ascoltare chiunque nel mondo, l’attenzione è rivolta verso la fonte più vicina, quando si potrebbe invece ampliare molto lo spettro.

Uno studio decisamente interessante e sotto molti aspetti incoraggiante, che analizza il tempo dedicato alla musica che, poco o tanto che sia, non è mai tempo perso.