Il portale della musica Indie italiana

Il CEO di Apple ha dichiarato che a Cupertino, temono che la musica perda l’umanità e che diventi “un mondo di bit e byte invece che di arte e creatività”.

Il timore di Cook è che l’utilizzo di algoritmi vadano a minare il ruolo spirituale della musica nella nostra quotidianità. Ovviamente è impossibile non leggere nelle sue parole un riferimento a Spotify, che utilizza appunto algoritmi per suggerire musica ai suoi utenti, a differenza di Apple che si avvale di un gruppo di curatori.

Come vi abbiamo segnalato, al Apple è al momento impegnata nella realizzazione di nuove playlist in collaborazione con la Universal, dopo quello che è stato definito il “fake-artist Gate” dal sito Music Business Worldwide.

Cook conclude sostenendo che la musica è una fonte di ispirazione di cui non potrebbe privarsi.