Passa ai contenuti principali

FIRENZE ROCKS: Iron Maiden - Rock e teatro

Il terzo giorno di festival a Firenze è giorno dedicato agli Iron Maiden. I fan della Vergine di ferro sono assiepati già dal pomeriggio per i live di Jonathan Davis, in versione solista senza i suoi Korn e dagli Helloween, molto sentiti dal pubblico.

Sono le 21:15 quando il celebre discorso di Churchill risuona dalle casse per introdurre Aces High. Gli Iron Maiden hanno sempre curato le loro scenografie ma stavolta osano molto di più, tanto che l'ingresso della band viene accompagnato da una copia di uno Spitfire che resta sospeso sopra il sestetto inglese per tutta la durata del primo brano.

Segue Where Eagles Dare, brano ripescato dopo anni di assenza dai live. La canzone dà subito modo di notare come i musicisti siano in ottima forma. A spiccare è la base ritmica composta dall'atletica batteria di Nicko McBrain e Steve Harris che mica note col suo basso.

Two minutes to midnight è da sempre uno dei brani più emblematici degli Iron. Bruce Dickinson è quanto mai nel suo elemento. Con una mise per ogni brano, si lancia in interpretazioni non solo vocali, ma anche sceniche in cui riaffiora la formazione giovanile come attore di teatro. E' proprio lui che spiega al pubblico come i brani in scaletta, sono legati da un filo rosso. Si parla di vita, morte, religione e libertà.

The Clansman viene seguita da The Trooper in cui Dickinson, sempre più performer a 360°, si lancia in un duello con la mascotte della band Eddie.
Il palco diventa una cattedrale con tanto di candelabri per fare da sfondo a Revelation, accolta con affetto dal pubblico. Meno entusiasmo viene riservato all'epica For the greater good of God e Sign of the cross, brano quest'ultimo che offre comunque un momento di grande pathos, grazie all'ottimo gioco di luci e alle scenografie curate e spettacolari.

Flight of Icarus, altra grande assente nella scaletta dei Maiden, vede Dickinson armato di lanciafiamme mentre in scena irrompe un Icaro gigante, destinato a precipitare alla fine del brano. 
Fear of the dark, Number of the beast e Iron Maiden chiudono la scaletta, mentre i bis sono affidati a The evil that men do, Hallowed be thy name e Run o the hills.

Il concerto si conclude alle ore 23:10. Certamente è il live più breve tra quelli visti finora ma, a onor del vero, è stato anche il più spettacolare.

Up the irons.


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.