Passa ai contenuti principali

FAUSIA - Vorrei solo suonare il più possibile.

E’ appena uscito “Vediamoci lo stesso”, tuo ep di debutto. Vuoi parlarci della genesi di questo disco?

In principio tutto era chaos e musica acerba. Poi, reduci dall'esperienza della blues-rock band 'Bonnie Situation', io e il chitarrista Gabriele Prandi abbiamo deciso di continuare a suonare in duo, riarrangiando alcune mie vecchie canzoni e scrivendone delle altre. Quando nel 2016 ci siamo accorti di avere parecchio materiale originale, abbiamo registrato un pre-mix alle ex Lavanderie Ramones, e l'anno dopo abbiamo fatto le cose sul serio nella mia casa a San Salvario, grazie alla collaborazione di tante bellissime persone, tra cui Nicolò Piccinni. Potrei definirlo un Ep collettivo.


Hai molta esperienza come musicista e ami mescolare i generi. Come scrivi i brani?

Scrivo i brani come li scrivono tutti, quando arrivano provo a prenderli e lascio che si plasmino attraverso tutte le altre mani che fanno musica con me. Alcune canzoni dell'Ep sono state scritte molto tempo fa, e hanno preso forma man mano che le suonavamo, altre nascono da session di improvvisazione, di altre ancora mi sono state regalate le melodie.

Cosa significa oggi essere un artista indipendente secondo te?

Beh, prima di tutto, cosa vuol dire essere artista al giorno d'oggi? Ritengo che quest'epoca in generale stia sfruttando il ruolo del creativo, dall'illustratore al web designer, dal musicista allo scrittore, dal fotografo al regista, nessuno escluso, e così facendo riduce l'arte a mera merce di consumo. In uno scenario del genere, essere 'indipendenti' potrebbe voler dire muoversi seguendo la propria logica, autoprodursi, proteggere la propria unicità musicale, e collaborare con tutti per quanto possibile.

Quali sono le tue influenze?

Ho un olimpo personale che comprende Mozart, Arcade Fire, The Beatles, Led Zeppelin, Billie Holiday, Muddy Waters e BB King, Jimmy Cliff, Janis Joplin, Nina Simone, Ray Charles, Bobby Dylan, David Bowie, Charles Mingus, Chet Baker e Miles Davis, The Smiths, Etta James, Velvet Underground, Rino Gaetano, Lucio Battisti, Gregory Isaacs, Bob Marley, CCCP, Lucio Dalla, Snoop Dogg, Blur, Radiohead, svariata musica elettronica, tutto il jazz e il blues possibile, e arriva agli incredibili musicisti contemporanei che conosco, come Wallis Bird, Brunori Sas, Bugo, Nicolò Piccinni, ErricoCantaMale, Johnny Fishborn, Ambra Drius, Andrea Laszlo de Simone, Est Egò, Smoke the Bees, Vea, Protto, Andrea Ciucchetti, Nebbiolo, Skulla, Leonardo Gallato, Andrea Tito Esposito, Fratelli Tabasco, il collettivo Pietra Tonale, ecc. (pardon, non posso neppure pensare di nominare tutti)

Qual è la tua idea di successo?

Il successo è poter lavorare nei settori che riflettono il proprio talento e le proprie inclinazioni per poter impreziosire se stessi e la società nella quale ci si trova; potrebbe anche significare trovare il proprio posto, poi guardarsi indietro e pensare che per metà del tempo ti sei occupato di ciò che amavi e per l'altra metà hai riso.

Hai mai partecipato o pensato di partecipare a un talent? 

No.

Quanto è importante la cura dei social oggi, per un artista?

Conta incredibilmente, ma solo perchè questa è l'epoca dell'opera d'arte nella sua infinita riproducibilità informatica. I vecchi canali di diffusione non danno più risultati, a meno che si faccia parte del mainstream. I social permettono un contatto sicuramente più diretto, ma anche limitativo per l'artista, a causa della bassa soglia di attenzione che si è sviluppata nel modo comune di apprendere le cose.

Hai visto il concerto del Primo maggio? Cosa ne pensi?

Ho visto delle parti e non ho dei pensieri precisi a riguardo; ho sempre preferito il concerto del Primo Maggio che organizzano al Forte Prenestino o a Taranto o altrove, per via della qualità della musica.

Che cosa pensi dell’attuale music business? Vorresti farne parte?

Ci sono mondi che non conosco e non mi appartengono, vorrei solo suonare il più possibile.

Quali sono i tuoi prossimi impegni in agenda?

Le prime tre tappe di presentazione del disco saranno: #8 Maggio alla Cricca Circolo Arci e #6 Giugno al Blah Blah, entrambe a Torino, in formazione completa -con Gabriele Prandi alla chitarra, Michael Pusheddu al basso, Alessio Boschiazzo alla batteria, Francesco Coppotelli al violino, e con l'onore di avere in apertura il cantautore Nicolò Piccinni. Poi il #22 Giugno suoneremo nel cortile di un castello sulla collina di Monticello d'Alba per il Roero Mon Amour. Vi aspettiamo!


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.