Passa ai contenuti principali

PHANTOMATICA - Il palco è per la musica, non per la politica

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

Penso che una cosa sia correlativa dell’altra, il problema è un altro: ciò che conta più di tutto è suonare dal vivo perché è lì che trovi il vero fan ed un gruppo emergente ha bisogno di questo, trovare e crearsi una base di veri fan. Navigando vedo che a volte si dà troppa importanza e ci si concentra troppo sul pubblicizzarsi e sponsorizzarsi, dimenticandosi che si è una band e si deve  suonare e non una linea di vestiti da dover solo vendere e reclamizzare.

2 – Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

La musica è una delle molteplici forme d’arte e creare un’opera, nel nostro caso una canzone, è prima di tutto una sorta di soddisfazione personale e successivamente un onore se riesci a regalare anche una sola gioia, un’ emozione a chi l’ascolta. Aspetti negativi? Quando ne avrò uno significa che devo smettere e fare altro.

3 - Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?

Politica e musica sono due parole che insieme, per quanto mi riguarda, devono essere separate. Ho avuto sempre una senso di rifiuto sulla musica schierata e quando ho sentito di tanti gruppi che mi piacciono essersi schierati nei loro concerti durante le campagne elettorali facendo proclami pro o contro questo o l’altro politico mi è salito un senso di nausea. Il palco è per la musica ed il fan che ti sta ascoltando è lì perché compra i tuoi dischi e ama la tua musica e non perché sei sostenitore di tale partito, è irrispettoso nei suoi confronti. Vuoi  schierarti? Togliti i panni da musicista e fallo in altra sede, lì sei libero di fare ciò che vuoi. Disapprovo fortemente tutto questo.

4 – Cosa ne pensi dell’attuale music business?

Sarei felicissimo di poter rispondere perché significherebbe farne parte ma sappiamo benissimo sia noi che voi che non è così e quindi non mi pronuncio evitando di dire qualche idiozia. Posso solo dire che per un gruppo emergente come il nostro il music business e’ solo un’immensa montagna da scalare piena di insidie e di punti interrogativi, ma sicuramente abbiamo tutta la determinazione necessaria per tentare la scalata.

5 – Credi che le nuove tecnologie aiutino il rapporto tra musicisti e pubblico o credi abbiano distanziato gli uni dagli altri?
Dico sì al 100%, le distanze sono accorciate e c’è anche possibilità di interagire, e lo dico non in veste di artista ma in quello di fan, sono finiti i tempi che per vedere solo una foto del tuo gruppo preferito dovevi andare in edicola a comprare MetalHammer!

6 – Qual è a tuo giudizio il confine tra indie e mainstream?

Chiedetelo a chi ha inventato questi termini, odio le etichettature.

7 – Cosa pensi del Crowdfunding? Lo ritieni un mezzo veramente utile per i musicisti?

Purtroppo in un mondo dove la parola d’ordine è diventata “c’e’ crisi” il crowdfunding può essere un sostegno in più per noi musicisti, ma anche qui vale lo stesso discorso dei like di Facebook di cui parlavamo all’inizio. Se non ti crei una base di veri fan suonando dal vivo difficilmente troverai fondi sostanziosi.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

LA BUONANOTTE (A ROVAZZI) di Marco Zuppa

Duri solo 15 minuti? Sei una delusione.

Non parlo di sesso ma dei "concerti" di Fabio Rovazzi.
Ospite ad Astimusica il nuovo astro della musica di merda è salito in ritardo sul palco, di fronte a 4500 persone (molte delle quali bambini accompagnati dai genitori che aspettavano il loro beniamino), ed ha salutato tutti dopo 15 minuti.

Non un bis, non una parola in più, niente di niente.
Il tutto con una performance che gli organizzatori stessi hanno definito fredda e distaccata "come se non gli importasse".