Passa ai contenuti principali

LA MALANOCHE DI FRANCESCO DE LEO

Francesco De Leo inizia la sua carriera artistica appena diciassettenne nel 2008 quando fonda L’Officina della Camomilla, diventato negli anni un gruppo cult della scena indipendente. Con l'aiuto dei vari musicisti che negli anni si sono succeduti all'interno della band, nei primi cinque anni ha sviluppato il progetto in modo totalmente indipendente, limitandosi a pubblicare demo casalinghe su YouTube. Nel 2012 entra a far parte del roster dell'etichetta bolognese Garrincha Dischi con la quale pubblica 4 album di inediti. Nel maggio 2017 De Leo decide di sospendere le attività del gruppo per dedicarsi alla carriera solista.

Il giovane autore arriva al suo disco d’esordio “LA MALANOCHE”.



LA MALANOCHE è il viaggio artistico di Francesco De Leo tra i bassifondi di una favela immaginaria nel Mar dei Caraibi e una qualsiasi provincia italiana: tra droghe sintetiche, mariachi, amori a pagamento, maschere di Paolo Conte e Satana. Un disco psichedelico dream pop, sospeso tra sogno, realtà e la Milano sudamericana/asiatica del 2018. Feste e follie della notte che girano in un caleidoscopio drogato dove perdersi come in un labirinto. La produzione artistica de LA MALANOCHE è stata affidata alle oniriche ispirazioni di Giorgio Poi. L’uscita in versione digitale del disco è prevista per il 13 aprile. A seguire le prime date live di Francesco con tre date live speciali su Bologna, Roma e Milano e alcune lusinghevoli aperture in solo al prossimo tour dei Baustelle.


Anteprime La Malanoche Tour

Sabato 14 aprile - Bologna - Tpo - La Grande Festa di Panico

Lunedi 30 aprile - Roma - Largo Bomba Dischi Festival

Venerdi 25 maggio - Milano - Circolo Magnolia - Mi Ami Festival


Qualche notte voce e chitarra prima dei Baustelle

Domenica 15 aprile - Milano - Alcatraz

Lunedi 16 aprile - Firenze - Obi Hall

Giovedi 19 aprile - Roma - Atlantico

Venerdi 20 aprile - Napoli - Casa della Musica

Domenica 22 aprile - Torino - Ogr

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

LA BUONANOTTE (A ROVAZZI) di Marco Zuppa

Duri solo 15 minuti? Sei una delusione.

Non parlo di sesso ma dei "concerti" di Fabio Rovazzi.
Ospite ad Astimusica il nuovo astro della musica di merda è salito in ritardo sul palco, di fronte a 4500 persone (molte delle quali bambini accompagnati dai genitori che aspettavano il loro beniamino), ed ha salutato tutti dopo 15 minuti.

Non un bis, non una parola in più, niente di niente.
Il tutto con una performance che gli organizzatori stessi hanno definito fredda e distaccata "come se non gli importasse".