Passa ai contenuti principali

IL GENERE CHE NON ESISTE

Marco Arata, in arte Mark The Hammer, è un musicista con un canale Youtube pieno di ironici tutorial su come realizzare canzoni in stili musicali diversi.

Tra i tanti "generi" musicali esplorati, non poteva mancare l'indie.




Il video è simpatico, critico e centra alcuni cliché di quello che è oggi riconosciuto come un genere.

Riferendoci però alla musica "Indie", possiamo davvero parlare di un genere musicale?

Su Spotify ci sono playlist intere identificate con il titolo "Indie Italiano" e racchiudono brani che alle mie orecchie, suonano come normalissimo pop.

Non c'è niente di male, anzi. E' solo che si tratta di una visione limitata.
Un artista indipendente è un artista che fa quel che vuole.

Non c'è bisogno di far partire sempre un brano con l'accordo di piano, parlare di disagio, alzare le tastiere e girare con l'aria da sfigato per essere un artista indipendente.

Quindi a mio modestissimo parere, quello che oggi ci spacciano come Indie, altro non è che una variante del più classico Pop ma senza le palle.

Una batteria di artisti uguali tra loro, per estetica e tematiche. 

Spiacente per me l'indie è molto più di questo. Deve esserlo, altrimenti significa che ci siamo adagiati a cercare di fare "quello che funziona", invece di pensare a fare "quello che ci piace".


Non se la prendano i ragazzi che oggi escono con brani che strizzano l'occhio agli anni '80. Il loro per me è un pop anacronistico se pensiamo che alcuni sono nati negli anni '90 e gli '80 nemmeno li hanno vissuti. 

Io li ricordo bene e onestamente di certe cose, non ne sentivo la mancanza. 

Quello di cui sento la mancanza è l'attenzione verso le correnti più underground, come quelle con cui sono cresciuto.

Gente che sale sul palco con la rabbia. Gente che devi andare a sentire nei locali, non attaccato al cellulare, che è pure un modo stronzo di ascoltare la musica.

Gente che magari non suona bene e pulita come le produzioni che siamo abituati ad ascoltare oggi ma che lascia un solco dentro.

Gente che non ti minaccia di fare un casino se non la ami, ma che ami perché ha il coraggio di fare casino.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

LA BUONANOTTE (A ROVAZZI) di Marco Zuppa

Duri solo 15 minuti? Sei una delusione.

Non parlo di sesso ma dei "concerti" di Fabio Rovazzi.
Ospite ad Astimusica il nuovo astro della musica di merda è salito in ritardo sul palco, di fronte a 4500 persone (molte delle quali bambini accompagnati dai genitori che aspettavano il loro beniamino), ed ha salutato tutti dopo 15 minuti.

Non un bis, non una parola in più, niente di niente.
Il tutto con una performance che gli organizzatori stessi hanno definito fredda e distaccata "come se non gli importasse".