Passa ai contenuti principali

COR VELENO: "Shut tha fuck up" è il nuovo singolo della band romana

Esce oggi il nuovo singolo dei COR VELENO, che arriva a otto anni dall’ultimo lavoro della band romana.

I Cor Veleno sono un gruppo tra i più influenti e prolifici del rap italiano, costituito da Squarta e i rapper Primo e Grandi Numeri.

La band nasce a metà degli anni novanta e la loro prima canzone ufficiale è “21 TYSON”, ottiene un notevole riscontro a livello underground.
Assieme a Piotta realizzano “Incompatibile”, scritto in memoria dell'amico MC Giaime.
Successivamente al riscontro ottenuto dalle prime canzoni, aprono i live di moltissimi artisti americani, tra i quali De La Soul, Wu-Tang Clan, The Game e Busta Rhymes.


Nel 2002 debuttano con il loro primo album, dal nome emblematico “Rock 'n' Roll”.
Riguardo alla scelta del titolo dell’album, il trio riferisce di averlo scelto in quanto l’hip-hop nel mondo, iniziava a farsi strada da semplice fenomeno musicale a vera e propria rivoluzione culturale. Esattamente come il Rock’n’Roll cinquant’anni prima.
Alcuni dei brani del disco vengono pubblicati per la colonna sonora del film “Ultimo stadio”, opera prima del regista Ivano De Matteo ( Gli equilibristi ).

L’album della svolta è “Heavy Metal” (2004), ideale prosecuzione del loro primo lavoro, che li fa conoscere al di fuori della scena rap e li porta a suonare in tutto il paese.
Nello stesso anno esce “Bomboclat”, pubblicato a nome Primo & Squarta, al quale prende parte anche il terzo componente del gruppo, Grandi Numeri, assieme al gotha della scena rap romana e milanese ( Danno dei Colle der Fomento e i Club Dogo ).

Nel 2005, per la prima volta, l’hip-hop tricolore partecipa in Germania allo Splash! Festival ( equivalente del Rototom Festival per il Reggae ) con i Cor Veleno che, come unici rappresentanti del rap italiano, calcano la stessa scena di artisti del calibro dei francesi Saïan Supa Crew e di vere e proprie leggende del rap, come Dilated Peoples ( Evidence & Rakaa ), Smif-n-Wessun e Nas.

Dopo aver lavorato con loro in una jam session in studio di registrazione, Jovanotti li vuole come gruppo spalla per il suo tour, affidandogli l’ apertura dei suoi concerti.
Dalle session nello studio di Cortona, nasce, tra gli altri, il brano “Cose pericolose”, presente nell'edizione speciale dell'album di Jovanotti “Buon sangue”.

Nel 2005 sono stati il gruppo di apertura per le date italiane di 50 Cent, e per i Linea 77, Gogol Bordello e Manu Chao.

All'inizio del 2006 firmano un contratto per Sony Music, con la quale pubblicano il terzo disco ufficiale del gruppo dal titolo “Nuovo Nuovo”. Tra gli ospiti Roy Paci, Tormento ed Amir.
Il disco si propone come una sorta di manifesto musicale per una generazione che ha sdoganato il rap in Italia, ed è ormai pronta per il grande salto verso un pubblico più vasto. Difatti, tra il 2007 e il 2008 partecipano ai live di Roy Paci, col quale scrivono la canzone "Tango Mambo Jambo”, primo esempio di fusione rap balcanica-mariachi italiana, presente sull'album “SuoNoGlobal" .

Nel 2008 esce l’attesissimo secondo album di Primo & Squarta, “Leggenda”, disco che per stessa ammissione degli autori, viene scritto in un settimana e realizzato nell’arco di un mese.
Dall'album vengono estratti i singoli “Sotto Shock”, “Spigne” e “Rock'n'roll Gangsta”.

Il 2 luglio 2009 inizia a circolare in rete un brano intitolato “L’imbastita", mentre il 10 agosto pubblicano su YouTube il videoclip del brano “Falso", a cui ha fa seguito l'EP “Pace armata”, uscito il 17 dicembre per il download gratuito.

Dal 7 maggio 2010 è in rotazione in tutte le radio "L'odore del mare,” singolo apripista dell'album “Buona pace”.

Sempre nel 2010 partecipano alle riprese del film di Aureliano Amadei “20 sigarette”, tratto dal romanzo “20 sigarette a Nassiriya” (presentato fuori concorso alla 67ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia) in un cameo, dove interpretano se stessi.
Nel dicembre 2010 esce il terzo album di Primo & Squarta, forse il più maturo, intitolato “Qui è selvaggio”. Tra le tracce più importanti, la canzone “Cantano tutti”, ritratto crudo della vicenda che vede l’insabbiamento circa la morte di Stefano Cucchi.

Nel luglio 2012 Primo Brown pubblica per l'etichetta L’atlantide l'album “Fin da bambino” assieme a Ibbanez e Ill Grosso.

A maggio Il primo singolo è “mantenere”, prodotto da Squarta. Come ospiti dell’album Coez e Salmo.

Nel mese di settembre 2014 Primo Brown ha annunciato il proprio ritiro dalle scene musicale a causa di problemi di salute, gli stessi che lo hanno portato alla morte nella notte tra il 31 dicembre 2015 e il 1º gennaio 2016. Il senso di commozione che pervade gli ammiratori dell’artista venuto a mancare prematuramente, si traducono in innumerevoli segnali d’affetto sui social da parte di tantissimi rapper, cantanti e colleghi musicisti, e in diverse manifestazioni musicali in tutto il paese.

Il mese di luglio 2016, i rapper Grandi Numeri e Danno dei Colle der Fomento pubblicano assieme a Squarta il brano “A pieno titolo”, in omaggio a Primo, presente nella canzone con una strofa postuma.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.