Passa ai contenuti principali

ZEFFJACK - La tecnologia non è ancora riuscita a farti respirare davvero un gruppo live

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

​Si spera che i tanti like siano la conseguenza di un buon disco o comunque di qualcosa di buono, c’è anche un mondo “fuori” dove non sempre un apprezzamento è espresso con un “like”, anzi spesso è custodito in un silenzio…ma questo vale anche per i dislike.



2 – Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Negativo che si perdono tante tante ore di sonno, positivo che ancora a distanza di anni tutte le attese, le delusioni, le stanchezze etc, scompaiono sempre in un attimo appena riesci a creare un pezzo che ti piace davvero.

3 - Credete che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvate la politica nella musica?

La politica è in ogni scelta di ogni giorno e crediamo che ridursi a dichiararsi politicizzati o meno sia l'ennesima chiusura verso un libero fluire delle idee. La musica può passare dei messaggi politici a prescindere, dipende se uno li vuole cogliere o se ha bisogno di un simbolo esplicito..e comunque l’emozionarsi non ha partito.

4 – Cosa ne pensate dell’attuale music business?

Diciamo che sarebbe opportuno risponderti se ne facessimo veramente parte avendo quindi cognizione di causa. 

5 – Credete che le nuove tecnologie aiutino il rapporto tra musicisti e pubblico o credi abbiano distanziato gli uni dagli altri?

Le nuove tecnologie servono; tutto serve se usato per portare informazioni messaggi e divulgazione ma soprattutto se si veicolano emozioni, poi ovviamente dipende da come vengono usate. Detto questo rimaniamo però dell'idea che un live intenso e coinvolgente a un palmo dal palco rimane nei ricordi dell'ascoltatore più di mille post, streaming e stories, la tecnologia non è ancora riuscita a farti respirare davvero un gruppo live, sopratutto se si tratta di una band che adori.

6 – Qual è il confine tra indie e mainstream?

Pfff….sono nomi inventati…noi li usiamo per far battute con gli amici.

7 – Cosa pensate del Crowdfunding? Lo ritenete un mezzo veramente utile per i musicisti?

Non lo abbiamo mai provato e non sappiamo bene cosa dire, ci viene da pensare che a logica dovrebbe essere utilissimo ma nella pratica per dare una valutazione lucida bisognerebbe avere qualche numero alla mano per capire quanti sono riusciti davvero a farne buon uso e quanti invece non ce l'hanno fatta. Forse dall'alto della nostra inesperienza è più corretto dire che ci sembra utile, ma che non è l'unica cosa che può servire riferito ad una band che inizia. Sicuramente, al di là dell'inevitabile investimento economico, crediamo che la cura di un'iniziale auto-produzione sia fondamentale come passaggio di crescita musicale.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

LA BUONANOTTE (A ROVAZZI) di Marco Zuppa

Duri solo 15 minuti? Sei una delusione.

Non parlo di sesso ma dei "concerti" di Fabio Rovazzi.
Ospite ad Astimusica il nuovo astro della musica di merda è salito in ritardo sul palco, di fronte a 4500 persone (molte delle quali bambini accompagnati dai genitori che aspettavano il loro beniamino), ed ha salutato tutti dopo 15 minuti.

Non un bis, non una parola in più, niente di niente.
Il tutto con una performance che gli organizzatori stessi hanno definito fredda e distaccata "come se non gli importasse".