Passa ai contenuti principali

WRONGONYOU - Faccio musica "naturale" ma strizzo l'occhio all'elettronica




Wrongonyou, al secolo Marco Zitelli, è un cantautore romano con radici folk ma con un'anima internazionale che il 9 Marzo pubblicherà il suo album di esordio "Rebirth". L'album, seguito dell'acclamato EP di esordio "The Mountain man", è stato anticipato dal singolo "Prove it". Il tour toccherà tutta Italia e lo vedrà anche sul palco del festival SXSW 2018 in Austin (Texas).

Hai voglia di parlaci del tuo ultimo lavoro?

Il mio ultimo lavoro si chiamerà “Rebirth” e per me rappresenta una vera e propria rinascita: per motivi personali perché arriva dopo un momento abbastanza complicato della mia vita e soprattutto per motivi artistici, perchè sento di aver trovato effettivamente la voglia e l'amore verso il cantare e la mia voce. Questo primo disco arriva dopo più di un anno di lavoro e di esperienze, registrato in parte a Los Angeles da Michele Canova, l’ho concluso nel cuore dei Castelli Romani con Flavio Zampa. 


Hai lavorato alla colonna sonora dell’ultimo film di Alessandro Gassman. Vuoi parlarci di questa esperienza?

Ero in furgone in direzione Milano per andare a presentare l'ep "The Mountain man" e mi chiama un numero sconosciuto: dall'altra parte del telefono c'era Alessandro Gassmann che mi riempie di complimenti per la mia musica e mi propone di fare la colonna sonora del suo nuovo film e di interpretare la parte di suo figlio! Io ho accettato immediatamente perché fare una colonna sonora era uno dei miei sogni ed essere riuscito a realizzarlo così presto è stato bellissimo! Ma mi sono divertito parecchio anche a fare l'attore!

In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?

In questo periodo un profilo social molto seguito da molta visibilità ad un artista.. Io sono dell'idea che sia utile, ma che al primo posto deve esserci la musica. Ok fare qualcosa che piace… ma quello che colpisce è secondo me la spontaneità e fare quello che si fa con il cuore! Il successo arriva di conseguenza.

Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Sicuramente l'aspetto negativo è che è un mestiere abbastanza altalenante, quello positivo è che per chi ama farlo è il mestiere più bello del mondo.. Giri il mondo facendo quello che ti piace, infatti mi sento molto ma molto fortunato! 

Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?

Non ho mai amato la musica che tirava in mezzo la politica né la seguo molto, ma la musica è anche esprimersi quindi può essere un grande mezzo di comunicazione.. Io non credo mi schiererò mai.

Cosa ne pensi dell’attuale music business?

Dal punto di vista personale è una nuova esperienza: sto cominciando a conoscerlo, devo sicuramente ancora capire molto.

Credi che le nuove tecnologie aiutino il rapporto tra musicisti e pubblico o credi abbiano distanziato gli uni dagli altri?

Io sono per il legno! Faccio una musica abbastanza "naturale" ma ho sempre strizzato l'occhio all'elettronica.. Per quanto riguarda lo streaming, credo che tecnologie tipo Spotify o altri riproduttori musicali abbiano aiutato parecchio la musica italiana e non a ritirarsi su! 


Qual è a tuo giudizio il confine tra indie e mainstream?

Ma, non credo che ormai esista più un confine, o se esiste è una linea talmente sottile che non si vede più, tutti fanno POP adesso, tutti provano a far musica ANCHE per vendere oltre che per suonare! C'è forse stata una “globalizzazione” anche nella musica indie.

Cosa pensi del crowdfunding? Lo ritieni un mezzo utile per gli artisti?

È sicuramente un mezzo utile e può essere anche potente! Io non l’ho mai fatto, ma se prende il via può davvero essere un grande aiuto e può far nascere una fan base molto fedele che ti supporta negli anni e non solo a livello economico.

Come affronti la preparazione al live?

Provare, provare e provare è alla base di tutto! Ci vuole disciplina.. Non deve esserci spazio per la pigrizia! Io cerco di cantare almeno 5 ore al giorno.. Così da essere sempre con la voce in forma, meglio cantare un po' di più che andare alle feste per farsi vedere.

Cosa possiamo aspettarci dal prossimo tour?

Ho una band che mi segue che è molto unita e che mi supporta e crede in me! Il live è molto fedele al disco. Comunque venite a sentire che secondo me ne vale la pena!

Foto di Michele Piazza

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.