Passa ai contenuti principali

MEGANOIDI - siamo un esempio di artigianato discografico

I Meganoidi sono una band che non ha certo bisogno di presentazioni. Dopo aver pubblicato dischi fondamentali come "Into the Darkness, Into the Moda", "Outside the Loop, Stupendo Sensation" e "Welcome in disagio", tornano con il nuovo disco "Delirio Experience". Un album che arriva a coronare una carriera lunga 20 anni. Abbiamo parlato di questo, e di tanto altro ancora, con Luca Guercio.

Quest'anno festeggiate 20 anni di carriera. Ti va di fare un bilancio?
I bilanci si fanno ogni giorno, perchè solo così si può provare a migliorare.
Sicuramente dopo 20 anni passati principalmente sui palchi, mi sento di poter fare un bilancio positivo, ma non solo per quello che abbiamo dato noi, ma soprattutto per quello che abbiamo ricevuto. Le persone che seguono la musica, che la ascoltano e sudano sotto i palchi con te mentre suoni, sono di una sensibilità ed una purezza d'animo che mi lascia sempre a bocca aperta. Ci si confronta con loro, si parla e sembra di conoscersi da una vita. Si accettano i complimenti ed anche le critiche, e proprio le critiche ci hanno portato a quello che siamo oggi. Una band che si racconta in musica.


Come riassumeresti il vostro ultimo disco “Delirio Experience”?

La parola che riassume meglio questo disco è “consapevolezza”. E' un disco che arriva nel bene e nel male in modo fluido e diretto.

Cosa vi ha guidato maggiormente nella composizione dell'album?

L'esigenza di provare finalmente a lavorare sui brani in modo diverso dal passato. Partire dalla sorgente creativa e lasciare che quello che avevamo scritto ci suggerisse direttamente il vestitino più appropriato per presentarlo. La creazione di un brano è un bel momento, è comunque una nascita, un qualcosa che ti segna, è come se ti estrassero dal DNA le istruzioni per comprenderti.


Il packaging del disco è molto curato. Cosa rispondete a chi invece ritiene che il cd sia morto e che la sola uscita digitale sia più che sufficiente? 

Proprio perchè il cd ha subito un calo, trovo sia un motivo in più per renderlo speciale. I supporti potranno cambiare, ma chi ascolta musica sentirà il bisogno di avere sempre un oggetto che rappresenti il tuo lavoro. Non a caso ora sta tornando anche il vinile, perché alla fine, avere un disco tra le mani è come abbracciare qualcuno e avere un mp3 in streaming è come mandarsi dei baci in una chat. 

Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
L'aspetto positivo è che fai quello che ti piace, l'aspetto negativo è che gli altri pensano che tu dovresti fare quello che piace a loro. 

Come affrontate la preparazione al live?

Con entusiasmo ed incoscienza, come dei ragazzini.

Cosa ne pensi dell’attuale music business?

Il music business c'è sempre stato e sempre ci sarà. La cosa attuale che mi piace, è che le carte vengono smosse in modo imprevedibile e questo è un bene perché possono crearsi dei varchi per far fruire la musica degli emergenti e dei nuovi creativi, la cosa invece che mi piace di meno, è che si investe troppo nella ricerca di interpreti e meno nella ricerca di autori e compositori. Bisognerebbe che ci fossero anche più spazi per la musica e non parlo solo degli spazi fisici, ma anche di quelli mediatici.


Credi che le nuove tecnologie aiutino il rapporto tra musicisti e pubblico o che abbiano distanziato gli uni dagli altri?

La tecnologia è sia un bene che un male e non solo nel campo musicale. In realtà la possibilità di essere cosi diffusi in poco tempo con un semplice click è un bene, ma forse l'ascolto medio ne ha pagato le conseguenze in termini di attenzione. E' un po' un peccato che si sia persa l'abitudine di fermarsi ed ascoltarsi un disco chiudendo gli occhi.

Siete stati definiti una band indipendente. Vi riconoscete in questa definizione e cosa significa, per voi, essere artisti indipendenti oggi?

Noi siamo un vero e proprio esempio di artigianato discografico. Siamo autoprodotti e siamo responsabili dei nostri successi e dei nostri fallimenti in prima persona. Noi ci riconosciamo in questo.

Cosa pensi del crowdfunding? Lo ritieni un mezzo utile per gli artisti?

Noi lo abbiamo pure utilizzato per fare un live che si può vedere tranquillamente su youtube. E' un sistema interessante per valutare se un progetto può avere senso o meno, inoltre può dare una mano a dare vita a nuovi progetti.


Cosa consigli a chi vuol fare musica oggi?

Partiamo dal presupposto che uno sappia suonare e abbia interesse a scrivere musica e a proporla.
La prima cosa è quella di ascoltarne tanta e ascoltare anche quella che non piace, perchè se si vuole fare musica, bisogna conoscerla. Uno degli errori principali è proprio quello di fossilizzarsi negli ascolti e poi si finisce per fare pochissima ricerca.
Andare a concerti e soprattutto di band e artisti sconosciuti, bisogna lasciarsi sorprendere ogni tanto, fa bene alla creatività e a chi fa musica come noi.
Queste cose sono a mio modesto parere le cose principali da fare, poi naturalmente ci sarebbe tutto un mondo di altre cose da affrontare.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.