Passa ai contenuti principali

DAVIDE TURCI - Per me suonare è un'esigenza

1. In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

Faccio parte di una generazione alla quale interessa molto di più l’aspetto legato al contenuto. mi rendo conto che all’interno del web, catturare l'attenzione è sempre più difficile.

Gli elementi che attraggono il cybernauta sono legati a parametri che non sempre sono direttamente proporzionali alla qualità del prodotto. A questo quesito risponderei... “ dal punto di vista etico/emozionale è più importante un buon disco, da quello del marketing , il virtual-like”.

2. Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

La musica ( come in genere tutte le forme artistiche) è uno strumento espressivo che permette agli individui di attivare meccanismi di ragionamento e pensiero autonomo.
Sono convintissimo che la musica possa fare bene a tutti, ne è dimostrazione la “musicoterapia” di supporto curativo a chi la applica nei percorsi di guarigione.

Per chi invece investe aspettative professionali nel mondo musicale, si rivela spesso e volentieri non soddisfacente.

3. Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?

Credo che un’artista debba avere la possibilità di scegliere, i vincoli limitano le capacità espressive. Io ho preferito non assumere una posizione definita, perché non ne ho ancora sentito l’esigenza. Le canzoni sono “fotografie emozionali”, i temi che si possono affrontare nel testo di una canzone possono e devono essere infiniti. Non è obbligatorio che si debba approvare il contenuto della parte letteraria di un brano, possiamo scegliere di non ascoltarlo o di scriverne un’altro di risposta.

4. Cosa ne pensi dell’attuale music business?

Non lo comprendo, per me suonare è un’esigenza, continuerei a farlo comunque. In questo periodo sto promuovendo il mio primo album da cantautore, è un’esperienza nuova, sarò in grado di rispondere a questa domanda tra qualche mese.

5. Credi che le nuove tecnologie aiutino il rapporto tra musicisti e pubblico o credi abbiano distanziato gli uni dagli altri? 

Credo che abbiano cambiato le dinamiche convenzionali, l’impressione che ho maturato negli ultimi anni, mi permettono di dire che per divulgare musica sia più semplice, ma più complesso distinguersi.
mi risulta che ci siano progetti musicali che riscuotono un buon successo nel web ma non dal vivo.

6. Qual è a tuo giudizio il confine tra indie e mainstream?  

Credo che non sia tracciato chiaramente, i due mondi si influenzano e sovrappongono....in compenso credo che vi siano universi musicali paralleli autonomi con un loro pubblico...non è facile capire in quali di questi è più conveniente investire.....mi piace pensare che sia così.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.