Passa ai contenuti principali

DENORA - I cantanti di talento dovrebbero prendersi la parte che meritano

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco? 

Un buon pezzo (come un buon disco) è più importante dell'immagine secondo la mia opinione. Un bel pezzo entra nei cuori delle persone e possiede grande forza.


2 – Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Comincio dal positivo dicendo che la creatività ci fa crescere, essere musicista ed amare la musica è una grande gioia oltre che un bellissimo lavoro!
L' amore per la musica ci rende migliori.

La parte negativa sta nel constatare che il 95% della musica prodotta non sarà mai famosa o ascoltata a causa della grande competizione sul mercato e del monopolio delle major nelle radio. Solo il 5% dei musicisti si gode popolarità, soldi...Alcune persone si possono perdere in questa lotta infinita per il successo.

Le promozioni delle major e tv possono aiutare gli artisti ad emergere anche senza talento (vedi live di alcuni cantanti famosi) e questo può letteralmente uccidere le speranze di cantanti di talento, privi di possibilità economiche per emergere come le major. Ma "quello che non ci uccide ci rende più forti."

3 - Credi che un artista debba schierarsi politicamente? / Approvi la politica nella musica?

La mia opinione è che i musicisti non debbano partecipare alla politica, ma fare il loro lavoro. No, non approvo la politica nella musica.

4 - Cosa ne pensi dell'attuale music business?

Penso che ora, con l'era dei dj, sia più facile emergere per i cantanti di talento con ottime voci o strumenti, se paragonato ad alcuni pezzi delle "marionette digitali"..
La musica moderna è diventata un po' come il "fast food", ma molte persone amano sempre la buona musica e i buoni "ristoranti" e sanno distinguere la differenza di cosa è buono e meno buono.
Penso che i cantanti di talento dovrebbero imparare meglio le regole di questo showbiz e prendersi la parte che meritano.

5 - Credi che le nuove tecnologie aiutino il rapporto tra musicisti e pubblico o credi abbiano distanziato gli uni dagli altri?

Un buon artista deve comunicare attraverso la musica come se avesse una torta deliziosa e mostrarla attraverso i giusti canali. Sicuramente l'era digitale aiuta molto gli artisti ad emergere, ma solo se hanno buoni pezzi.

6 - Qual è a tuo giudizio il confine tra indie e mainstream?

Oggi qualsiasi artista non famoso è considerato indie. Non mi riferisco a musica strana o eccentrica, ma a quella che segue suoni moderni o che comunque esprimono i nostri tempi.
Mainstream è tutto quello che riguarda la musica moderna e suoni nuovi. M ritrovo molto in questo filone, amo i bassi della music dance mixata con sax e voci alte...
Quindi non mi preoccupo della differenza tra musica Indie e Mainstream, sono un po' nella via di mezzo.. L'importante è che i pezzi siano belli, orecchiabili e ballabili.


Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

SPREAD - I vincitori di Sanremo sono solo retorici

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

​Inutile negare l’importanza dei like nel mondo della musica di oggi. I social però sono solo uno strumento che può aiutare a veicolare la tua musica. In sostanza: un buon disco può darti tanto
gradimento mentre tanti like da soli non fanno un buon disco. Comunque questi discorsi contano poco per noi che amiamo la musica ed è solo alla musica che rendiamo conto. È una cosa che si facciamo per stare bene con noi stessi. Insomma, meglio fare un bel disco che avere tanti like
ma chi può dire se un disco è buono? Di fatto i social in questo sono un termometro impareggiabile.