Passa ai contenuti principali

CAPAREZZA - Il prigioniero in fuga

Ieri sera si è conclusa la prima parte del tour nei palazzetti di Caparezza, in supporto al suo ultimo disco "Prisoner 709" e noi non potevamo certo mancare.

Il concerto inizia puntuale e vede una scenografia che ricostruisce una prigione, con tanto di torrette di sorveglianza, composte da schermi su cui vengono trasmesse animazioni a tema col brano. Non manca una passerella sospesa e uno schermo orizzontale che sovrasta il palco completa l'impianto scenografico, come sempre curato e d'impatto.

La band sale sul palco e lo show si apre con "Prosopagnosia", prima traccia dell'ultimo disco, cantata dall'interno di una bolla/cella gonfiabile.





Oltre alla band sul palco compaiono 4 ballerini e 2 coriste, una novità per il set del rapper.

Il concerto prosegue con "Prisoner 709", title track dell'ultimo disco, energica e potente. Sia Caparezza che la band sono in gran forma. Come di consueto ad ogni brano segue un rapido cambio di scenografia. Lo show, proposto come un concept, continua con una carrellata di brani tratti dall'ultimo disco. 
Ecco quindi partire "Confusianesimo", seguita da una sentita e partecipata "La chiave".

"Ti fa stare bene" trasforma il palazzetto in un asilo in festa, con tanto di coriandoli e stelle filanti. "Migliora la tua memoria con un click", "Larsen", "L'uomo che premette" e "Autoipnotica" chiudono il primo set del concerto.



Una reprise dell'intro lascia spazio alla band per mostrare le doti dei musicisti, in particolare delle ottime coriste.

La seconda parte dello show si concentra sui successi precedenti e inizia con un grande classico come "Fuori dal tunnel". 

Tra un brano e l'altro Caparezza trova sempre modo di dare uno spunto di riflessione intriso di simpatica sagacia. Il concerto prosegue in un'escalation che inizia con "Legalize the premier" e "Non me lo posso permettere", cui fa seguito la sempre acclamata "Jodellavitanonhocapitouncazzo". 
"Goodbye Malinconia" vede il rapper girare su un'enorme ruota da criceto, mentre "Chinatown" si conferma uno dei brani più poetici e sentiti dell'artista.




"La fine di gaia", "Vieni a ballare in Puglia" e "Mica Van Gogh" vedono il palco trasformarsi in un campo di grano, con tanto di spaventapasseri.

Un rapido cambio d'abito ed è tempo per i bis. Le enormi bandiere rosse e le animazioni a tema, preparano il pubblico ad "Avrai ragione tu", cui fa seguito "Io vengo dalla luna". E' il momento dei ringraziamenti e Caparezza non dimentica nessuna delle tante persone che lavorano al suo show. Un ricordo commosso è inoltre dedicato a Carlo Rossi, storico produttore comparso nel 2015. E' tempo di chiudere la serata con "Abiura di me", sempre carica ed energica.




Un concerto curato dal punto di vista tecnico, eseguito in modo impeccabile e sentito tanto dal pubblico che dai performer.

Una fuga riuscita quella di Caparezza, che non nasconde i disagi che lo hanno portato a concepire la sua ultima opera.

Come lui stesso ha suggerito ai giovani: contestate tutto, senza paura. Trovate però anche il tempo di contestare voi stessi.

In merito a questo concerto però, non c'è davvero niente da contestare.

Bentornato Capa.

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.