Passa ai contenuti principali

ARIANNA ANTINORI - La politica non è nella musica, ma è nelle parole

1- In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

Fb dura un click… un disco è per sempre !





​2 – Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

L'aspetto positivo è la sensazione di amore che vivi quando crei, quando fai musica, quando suoni o canti.

L'aspetto negativo è che vivere di musica ti può far soffrire tanto, sia con gli affetti che con i colleghi. E le istituzioni non ci proteggono molto, perchè la musica sembra una cosa in più, alla quale ci siamo abituati dandola per scontata e non percepiamo più quanto tutti ne abbiamo davvero bisogno. La musica è la colonna sonora della nostra vita.

3 - Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?

Penso che un artista possa fare quello che vuole, ma personalmente preferisco non schierarmi partiticamente.
La politica non è nella musica, ma è nelle parole.. e sono due lavori precisi, politica e musica.
Io vivo artisticamente cercando sempre di amare e rispettare il prossimo, di qualsiasi colore, religione o partito politico, nel giusto e nella coerenza della mia etica e morale.

4 – Cosa ne pensi dell’attuale music business?

Il business non mi appartiene, io canto! Se qualcuno ci vede del business e lo sa fare senza uccidere l'artista, ben venga. Perché da quello che si vede oggi, purtroppo, il business per la musica è un tritacarne. Io preferisco suonare e sudare, con costanza e serenità.

5 – Credi che le nuove tecnologie aiutino il rapporto tra musicisti e pubblico o credi abbiano distanziato gli uni dagli altri?

La seconda cosa che hai detto! Credo che, se usata bene, la tecnologia non guasti. Personalmente, preferisco l'atteggiamento analogico, il rapporto più diretto e umano, cercando di centrare il cuore delle persone, e non un pubblico intossicato da chi cerca diinquadrarlo in ogni modo.

6 – Qual è a tuo giudizio il confine tra indie e mainstream?

Preferisco pensare da sola, senza disdegnare il successo popolare, l'indie è più vicino alla natura dell'artista perchè non influenzato dai pensanti infallibili e, potrebbe sorprendentemente raggiungere il successo prima dell'atteggiamento "so io come si fà"!

7 – Cosa pensi del Crowdfunding? Lo ritieni un mezzo veramente utile per i musicisti?

In questo periodo storico se vuoi dire la tua senza pressioni è necessario. Visto che le major mirano al risparmio, a prescindere dal valore dell'artista. Sai come ho finito il mio album? Con l'aiuto dei miei amici e alcuni fans, ma in un modo del tutto nuovo. Il disco "Hostaria Cohen" ha visto la luce grazie anche a loro, che sono stati coinvolti nella realizzazione, diventandone coproduttori. Ognuno di loro è orgoglioso di esserne partecipe e lo sente un po’ suo, proprio come realmente è! Abbiamo unito le forze e siamo riusciti a realizzare un album di alto livello, mettendo tutto quello che ritenevamo giusto e necessario per rendere magica la nostra creazione. L'album è uscito ufficialmente l'8 Dicembre 2017 su etichetta "Hostaria Recors" edizioni Warner Chappell Music e distribuito da Artist First. La copertina è stata realizzata da Andy Fluon (che ha realizzato un mio ritratto, da una fotografia di Cristina Arrigoni). Elisabetta Galletta, invece, si sta occupando di coordinare il tutto e della promozione.

Il prossimo anno uscirà un vinile doppio a tiratura limitata del concerto live dell'Alcatraz, presentazione del 5 Ottobre 2017, al quale seguirà poi un DVD completo della serata che ha visto la partecipazione di 26 straordinari musicisti. Sul palco tanti grandi ospiti tra cui: Phil Palmer, Tullio De Piscopo, Alberto Radius e tanti altri.




Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.