Passa ai contenuti principali

VI PRESENTO BENJAMIN CLEMENTINE di Miriam Gallea

Se c’è una cosa - tra le tante - a cui devo esser grata a quest’anno è l’aver scoperto Benjamin Clementine.
Lo si capisce già dall’inizio che è una rivelazione e voglio DAVVERO parlarvene in questo articolo per farvelo conoscere, perché qualcuno che merita una volta ogni tanto, c’è.
E’ una di quelle storie che vedi nei film o nei grandi artisti e pensi: “vedi, che culo, anche io vorrei venir scoperto un giorno per caso da qualche magnate e far successo”.
Ma lui ha molti più colori che dipingono la sua storia.
Classe 1988, di Londra.
Comincia a suonare il piano da autodidatta riproducendo ad orecchio le melodie del compositore francese Erik Satie (e VI PREGO, guardate come suona questo benedetto pianoforte!!).
Durante l’adolescenza si trasferisce a Parigi e comincia letteralmente a fare l’artista di strada, e vivendo senza fissa dimora per anni.
In questi anni scrive canzoni, scrive poesie e cerca di sopravvivere alla legalità di artista di strada, facendosi conoscer ben presto dalla popolazione della capitale francese.
Su Youtube ci sono anche video di lui che suona nella metropolitana di Parigi nelle carrozze in movimento.

Ad ogni modo, questo tipo qui è davvero pazzesco, mi credete? Ne sono entusiasta!
Dicevo… dopo 4 anni da vagabondo, viene scoperto da un agente che si proporrà come primo manager, fino ad incontrare il magnate Lionel Bensemoun, che deciderà di dar vita direttamente ad una nuova etichetta discografica, la “Behind”, in modo che Clementine potesse registrare li la sua musica.

Finalmente all’inizio del 2015 esce il suo primo album: “ At Least for now” che raggiunge le vette delle classifiche di mezza Europa, disco d’oro in Francia e il Grammy francese nella categoria “miglior nuovo artista”.
E’ un album ricco di dinamiche, ricco di arrangiamenti, ma che può bastare anche solo il suo piano e la sua voce per capire che si parla di robe di altro livello.

Il 15 settembre 2017 esce l’ultimo disco, "I tell a fly”, designato come vera e propria Opera Rock.
Un disco scuro e sicuramente non facilissimo al primo ascolto, ma che va apprezzato a piccoli passi.

I suoi idoli? Manco a dirlo, Nick Cave, Tom Waits e Nina Simone.
I suoi testi e le sue musiche? una gamma ampissima, che va dalla musica classica, Chopin, Debussy, a Jimi Hendrix a Brassens, Gainsbourg, Lucio Dalla, Baudelaire, Rimbaud, Verlain, La Bibbia, William Blake…
Insomma, vero che sembrano tutti nomi messi insieme a caso?
E invece no. Ascoltare per credere.
Da subito attrae attenzione, per la sua pettinatura e anche il suo modo di vestire.
Ma vi prego, prendetevi dieci minuti e ascoltatelo. Nei dischi, ma soprattutto Live.
Per capire che non esagero e per scoprire che il livello qui, è altissimo.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.