Passa ai contenuti principali

LA CALLIGRAFIA DELLE RAGAZZE SULLE MUSICASSETTE di Paolo Plinio Albera

La calligrafia delle ragazze sulle musicassette

Musicassette! Sempre stata una parola antica e demodé. Eppure è rimasta l'unica che può identificare con chiarezza le antiche scatoline di musica su nastro magnetico, perché ora con “cassette” potremmo intendere mille cose. Ma tanto le ho buttate via tutte.


Le cassette nel cassetto

Non tutte, in verità, alcune esistono ancora in un cassetto. Ho tenuto soltanto le compilation che mi hanno regalato le ragazze. Avrei tenuto anche quelle regalate dai ragazzi se solo me ne avessero regalate qualcuna. Tra ragazzi, infatti, funzionava diversamente: niente compilation, l'unica cosa seria era l'approccio all'album nella sua interezza, la valutazione complessiva dell'opera dell'artista. Con le ragazze nulla di tutto questo: le ragazze facevano compilation. E noi a loro, ovviamente. Poi le compilation sono diventate grandi e adesso si chiamano playlist. Invece il concetto “album” ha perso molto significato. Dunque da questo punto di vista la storia ha dato ragione alle ragazze.

Il font “Ragazze”

La calligrafia delle ragazze sulle musicassette era un font preciso, con le variazioni del caso, ma sempre identificabile e familiare. Mi era difficile, a scuola, distinguere la calligrafia dell'una piuttosto che dell'altra, sembrava che per questioni di DNA fossero portate a scrivere in quel modo. Erano più ordinate. Scrivevano i titoli in modo regolare, con asole rotonde nelle lettere a volte
leggermente inclinate all'indietro (questo, secondo la grafologia, significa pessimismo). Se non c'erano righe, andavano dritte ugualmente. Usavano i colori. Gli adesivi. Aggiungevano citazioni dalle canzoni. Insomma, la compilation in dono godeva di un packaging di tutto rispetto.
I maschi tutt'altro: disordine, fretta, segni incomprensibili e maldestri senza il minimo gusto. Per non parlare delle macchie di inchiostro che la mano faceva sulla carta: orrore. Io, almeno, provavo la mia migliore calligrafia, e tutti gli artifizi artistici di cui ero capace. Non credo però abbiano fatto una differenza nella mia carriera sentimentale.

Giovani donne crescono

Indipendentemente da cosa poi si è fatto, con le ragazze (potrei a questo punto millantare avventure bizzarre, precoci, spocchiose e soprattutto non verificabili, ma ve lo risparmio), nella loro calligrafia ci vedo adesso una cura non scontata, una sana spontaneità, una curiosità condivisibile per l'altro sesso, o per il sesso e basta.
Intanto le ragazze sono cresciute (io più tardi, in ritardo anche sugli stessi ragazzi, credo) e le camerette coi poster e le mensole dove stavano le cassette sono state restituite ai genitori. Ma in tutto questo, cosa ne è stato delle compilation? Intendo delle Mie compilation?
Una nuova eccitante misteriosa e sopravvalutata vita andava iniziando: la vita da soli. Una nuova attraente caleidoscopica e sopravvalutata tecnologia si andava affermando: il CD.
Anzi, chiamiamo le cose col vero nome: Compact Disc. Disc Jockey. Long Playing. Alla fine Musicassette fa pure bella figura.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.