Passa ai contenuti principali

EFFE PUNTO - Il paradosso è una condizione di vita per il musicista

1​ ​-​ ​In​ ​un​ ​mondo​ ​sempre​ ​più​ ​incentrato​ ​sul web,​ ​cosa​ ​conta​ ​di​ ​più​ ​tra​ ​una​ ​pagina Facebook​ ​con​ ​tanti​ ​like​ ​o​ ​un​ ​buon​ ​disco?

Entrambi verrebbe da scrivere, ma l’erba voglio non cresce nemmeno nel giardino del re mi ha insegnato la mamma, e quindi mi accontento di un buon disco, che piaccia anche a chi mette tanti like su Facebook.



2​ ​–​ ​Un​ ​aspetto​ ​positivo​ ​ed​ ​uno​ ​negativo​ ​del fare​ ​musica?

Positivo che non c’è disciplina, negativo che non c’è disciplina. Siamo liberi di
fare e ascoltare la musica che vogliamo e ci perdiamo in questi campi aperti, e
potrebbe essere un grande limite. Il paradosso è una condizione di vita per un
musicista.

3​ ​-​ ​Credi​ ​che​ ​un​ ​artista​ ​debba​ ​schierarsi politicamente?/Approvi​ ​la​ ​politica​ ​nella musica?

Una buona canzone sposta, muove, agisce a livelli personali inimmaginabili, è forse la cosa più politica che ci possa capitare. Non sopporto la militanza
ideologica e sportiva, ma è indispensabile schierarsi, non per le fazioni, per i diritti.

4​ ​–​ ​Cosa​ ​ne​ ​pensi​ ​dell’attuale​ ​music business?

Che esiste ma non ne faccio parte quindi parlerei di qualcosa che non conosco. Se ci sono grandi risorse per fare qualcosa di buono perchè non farlo? Poi però pensi a come sono state ottenute queste grandi risorse e torniamo al paradosso di prima. Il business, che è un derivato del capitalismo, di per sè difficilmente
punterà scientemente a fare qualcosa di buono, è più facile che involontariamente nascano effetti collaterali interessanti e incontrollabili.

5​ ​–​ ​Credi​ ​che​ ​le​ ​nuove​ ​tecnologie​ ​aiutino il​ ​rapporto​ ​tra​ ​musicisti​ ​e​ ​pubblico​ ​o credi​ ​abbiano​ ​distanziato​ ​gli​ ​uni​ ​dagli altri?

Aiutano molto, noi millenials e poi i nativi digitali abbiamo potuto confrontarci con il patrimonio dell’umanità in pochi click e decine di download. Forse banalmente il musicista non è più centrale nella produzione, e non è detto che sia un male. Negli anni ‘70 si discuteva, in letteratura, della morte dell’autore e per alcune correnti era un bene. Nascevano così i lettori, i contesti etc. Vediamo un po’, sono curioso.

6​ ​–​ ​Qual​ ​è​ ​a​ ​tuo​ ​giudizio​ ​il​ ​confine​ ​tra indie​ ​e​ ​mainstream?

In un saggio di qualche anno fa intitolato proprio Mainstream, Frederic Martel scrive giustamente che ciò che chiamiamo mainstream sono semplicemente delle forme, degli stili di successo: siano esse format video, brani musicali o romanzi su carta etc. L’indie punta ugualmente al successo spesso con l’inconfessabile desiderio di arrivare ad essere considerato mainstream.
Quindi ha fatto bene Calcutta a chiamare Mainstream il suo album e a mettere a
tacere molti.


Photo by Jacopo Farina

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.