Passa ai contenuti principali

DANILO DI FLORIO - La musica è emozione condivisa

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

Un buon disco è sempre un buon disco, ampliarne la conoscenza su Facebook o su altre piattaforme è ormai indispensabile oggi. I giovani sono infatti tutti sui
social, è il luogo privilegiato per trovare le informazioni di cui necessitano
e magari dischi, concerti, video.


2 – Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Dal mio canto non esistono aspetti negativi nel fare musica. Essa è espressione del proprio stato d’animo, è liberazione, è emozione condivisa, non esistono sacrifici detti “rinunce” dato che la contropartita non ha eguali...

3 - Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?

La politica è una realtà necessaria di ogni società. Non penso sia un male dire
la propria in materia politica. Se si usa il buon senso, la conoscenza, non è poi
così sbagliato...Non dimentichiamo che la musica degli anni ‘70, a livello
internazionale, non solo italiano, aveva argomenti politici e magari il tutto si
fosse protratto, almeno le generazioni di oggi avrebbero potuto continuare a
riflettere piuttosto che assistere al declino (in parte) del discorso musicale.
Vedi ad esempio “A far la guerra nel Vietnam” che ancora oggi rimane un pezzo
cantato a squarciagola da giovani e meno giovani.

4 – Cosa ne pensi dell’attuale music business?

I tempi cambiano, cambiano le tecnologie e cambia anche il modo di fare e vendere la propria musica. Devo dire che non mi spaventa, ho soltanto un sano ricordo, magari malinconico del vinile (che sta tornando! e di come si accedeva alla musica tempo addietro. Poi su come oggi bisogna arrivare a fare musica ce ne sarebbe da dire, ma qui toccherei sfere tabù come quelle dei reality detti
talents, dove il music business è volto più al solo mercato piuttosto che al
mercato dell’arte.

5 – Credi che le nuove tecnologie aiutino il rapporto tra musicisti e pubblico o credi abbiano distanziato gli uni dagli altri?

Se ne facciamo buon uso, le tecnologie devono necessariamente aiutare. Oggi
registrare è possibile anche in casa con apparecchiature neppure tanto costose. La distanza tra pubblico e musicista non credo sia data dalle nuove tecnologie,
piuttosto dagli argomenti trattati nei brani, e chi ce la racconta lunga sono
proprio questi nuovi cantautori emersi da una gavetta sana,in un mondo indie e
sudato...

6 – Qual è a tuo giudizio il confine tra indie e mainstream?

Il mainstream è la risposta, oggi più che mai, con mio grande piacere, ad un lavoro fatto in sordina nell’ambito indie. Il confine c’è, è ineludibile, chi approda
nel mainstream dopo anni di lavoro intenso nel mondo indie, deve solo custodire la propria originalità e il proprio gusto nel dire sempre qualcosa di nuovo e non
scontato. Ad ogni modo non biasimo chi invece lavora e rimane nell’ambiente indie (spesso per scelta, spesso perché meno fortunato, frutto di un lavoro serio, duro e pensato.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

SPREAD - I vincitori di Sanremo sono solo retorici

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

​Inutile negare l’importanza dei like nel mondo della musica di oggi. I social però sono solo uno strumento che può aiutare a veicolare la tua musica. In sostanza: un buon disco può darti tanto
gradimento mentre tanti like da soli non fanno un buon disco. Comunque questi discorsi contano poco per noi che amiamo la musica ed è solo alla musica che rendiamo conto. È una cosa che si facciamo per stare bene con noi stessi. Insomma, meglio fare un bel disco che avere tanti like
ma chi può dire se un disco è buono? Di fatto i social in questo sono un termometro impareggiabile.