Passa ai contenuti principali

JOSEPH MARTONE - Il ritorno parte da Napoli

Joseph Martone è un musicista e cantautore italo-americano, attualmente in tour con i Travelling Souls, un progetto di musica in viaggio, quindi in continua ricerca. Dal 2007, infatti, Joseph Martone e le sue anime viaggianti hanno esplorato e descritto in musica mondi diversi e distanti tenuti insieme dal folk,
dalla musica popolare mediterranea e dal rock del sud ovest americano. Il primo album, Where we belong è del 2013: primogenito atteso e voluto, risultato di sei anni di live in giro per gli Stati Uniti e l’Italia, sintetizza l’istinto di una voce ruvida ma elegante, carica di emozioni e di storie da raccontare con una ricerca musicale precisa ma multiforme. 


Questo primo lavoro, in cui Joseph è accompagnato da Tom Aiezza (che aveva già lavorato, tra gli altri, con Bob Dylan e Neil Young) include collaborazioni con
il grande fisarmonicista Frank Marocco (Il Padrino, Il Postino, The Beach Boys, Pink Floyd), il trombettista Stewart Cole (Edward Sharpe e the Magnetic Zeros) ed il polistrumentista Roberto Angelini.
Viaggiare vuol dire anche incontrarsi e cambiare. Nell’Ottobre 2015, anticipato nel corso dell’estate dal video del brano “Across the Universe” e da un tour tra Italia e Stati Uniti, esce il secondo lavoro della band, l’ep di cinque brani Glowing in the Dark. Una scelta stilistica ibrida ma coerente, una miscellanea di suoni scomposti ma organici che trovano la loro chiave interpretativa nella dichiarata e quasi ossessiva analisi dell’autenticità artistica che rende Joseph Martone and The Travelling Souls una valigia pronta per un viaggio che non sapevamo di voler fare. Martone, la cui voce è ruvida e piena di sentimento, suona la sua chitarra con forti ritmi e senza plettro,per essere ancora più naturale:
Ispirazione fresca, atmosfere cupe, melodia, voce ruvida conquistano l’ascolto.


Attualmente Joseph è al lavoro sul suo prossimo album. L'uscita del disco è prevista nei primi mesi del 2018 e vede alla produzione Taylor Kirk, il frontman dei Timber Timbre. La nuova avventura artistica di Martone manterrà le tipiche radici che rimandano al folk americano e alla forma canzone mediterranea, ma si arricchirà anche di eleganti tappeti elettronici sui quali scorreranno richiami alla musica anni ’70 e contaminazioni moderne.

Dopo una prima sessione di registrazione al Trailmusiclab di Napoli, il nuovo album sarà completato nei prossimi mesi allo Skybarn Studio di Montreal, di proprietà di Richard Reed Parry (produttore e attuale membro degli Arcade Fire): una collaborazione che si aggiunge alla produzione artistica di Taylor Kirk e al confermato sodalizio con il bassista londinese Ned Crowther.

Martone, che ha appena aperto la prima delle tre date autunnali italiani dei Timber Timbre, anticipa che sarà un disco " di molta sostanza, denso di tante influenze e che ha viaggiato in tanti luoghi, che non si esaurirà al primo ascolto".


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.