Passa ai contenuti principali

GIULIA'S MOTHER - La loro intervista

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco? 

La bellezza dell’arte non ha tempo, un buon disco rimarrà sempre un buon disco, un quadro meraviglioso rimarrà sempre tale così come lo sarà sempre un buon libro. Il web è solo uno strumento che ha dato la possibilità all’arte di spalmarsi maggiormente e più capillarmente. Se si fa arte per creare qualcosa allora è più importante preoccuparsi di fare “un buon disco” poi tutto verrà da se.





2 – Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Non vediamo aspetti negativi.
Fare musica, per noi, è una necessità, è la nostra condizione naturale.
Come può una cosa così meravigliosa avere aspetti negativi?
Se poi vogliamo parlare di “vivere di musica”, “crisi discografica” ecc…vabbè, sono aspetti che ci sono, ci sono sempre stati e non ne vale neanche la pena di soffermarsi. Perché guardare il buio quando hai di fronte la luce?

3 - Credete che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvate la politica nella musica?

Ogni artista deve fare quello che si sente, quello per cui riesce ad esprimersi.
Crediamo che l’arte non debba avere per forza un ruolo particolare se non quello di smuovere le coscienze.
Se un artista lo riesce a fare parlando di politica buon per lui, un altro magari lo farà parlando di albe e tramonti…nessuno è migliore di un altro.

4 – Cosa ne pensate dell’attuale music business?

Pensiamo che si sia perso un po’ il focus di cosa significhi produrre musica.
Ogni azienda ha i suoi interessi, ogni etichetta discografica ed ogni management.
Se dovessimo usare una parola significativa da dare come suggerimento al music businness sarebbe: osare!
Bisogna osare,sia nel produrre musica che nel venderla.
Tante volte ci si rilassa all’interno di un meccanismo pigro e stantio, e questo all’arte non fa bene.

5 – Credete che le nuove tecnologie aiutino il rapporto tra musicisti e pubblico o credi abbiano distanziato gli uni dagli altri?

Sicuramente il mondo cambia e non tutti i cambiamenti sono negativi.
Oggi abbiamo la possibilità di farci ascoltare anche da persone che abitano su di una piccola isola remota del pianeta e questo è sicuramente un bene.
Se c’è più diffusione c’è potenzialmente più c’è conoscenza ed anche questo è un bene.
Forse, se dovessimo vedere un aspetto negativo, lo si può individuare in una fruizione di musica troppo veloce, non si ha più il tempo di assaporarsi un disco che il giorno dopo esce qualcos’altro e forse non gli si da il giusto peso

6 – Qual è a vostro giudizio il confine tra indie e mainstream?

Solo semantica.
Non ci sono mai piaciute le “etichettature”.
Un prodotto indie può tranquillamente indossare una giacchetta mainstream.
Un prodotto mainstream può silenziosamente indossare delle scarpette indie.
Con quest’ultima domanda vorremmo ritornare al concetto della prima…produrre arte deve essere un’esigenza che ti porta a fare qualcosa di “bello” senza preoccuparsi del music business, che sia mainstream o indie.
Un po’ come l’amore…quando ci si innamora non ci si preoccupa di niente, di come andrà a finire, delle conseguenze, dei cambiamenti, ci si fa divorare semplicemente e completamente dalla fiamma della passione e questo è Arte




Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.