Passa ai contenuti principali

C'è tempo di Miriam Gallea

Trovare una chitarra acustica decente da suonare a Lisbona è difficilissimo. No davvero, sto girando la maggior parte dei negozi di musica e niente: solo Yamaha e Fender di compensato. 

Per il resto, chitarre classiche, chitarre portoghesi, mandolini bellissimi, ukulele se va bene ... e ancora chitarre classiche, che mannaggiaavvoi fossi una chitarrista classica me ne sarei già comprate tre.



Io dico che a questi qui, il blues, il folk, il rock'n'roll, non è che proprio è il loro genere. Questa cosa della tradizione sta sfuggendo un po' di mano.

Ho capito che forse il Fado non è proprio il mio genere musicale preferito (se non togliendo qualche pezzo strumentale), a partire dall'altra mattina che il mio vicino di casa con una tosse vergognosamente cronica e plateale (nel senso che non si fa problemi a tossire in quel modo terrificante dal balcone), ha deciso di attaccare un cd di Fado alle 8 di mattina.

Capiamoci, Preferivo ancora sentire gabbiani e campane, comunque.

Nel mentre, una delle grandi qualità del mio coinquilino José è quello di avermi ceduto la sua chitarra classica mancina, che l'altra sera ho magicamente trasformato in destra, con corde nuove, ma con un manico che, poverina, è meglio che prima o poi veda un liutaio.

MA! Ricomincio a suonare quindi.

Hallelujah!

Che poi una cosa non ho capito: come fanno i portoghesi a provare tutta questa Saudade e tristezza quando qui non piove da mesi? Neanche una nuvola, mai, e sembra sempre inizio dell'estate.

Meraviglioso, non credete?

Ho trovato una casa e la mia vita è migliorata. A volte bisogna saper prendere qualcosa e lasciare andare qualcos'altro e io ci sono dentro fino al collo. Se non altro, dopo due mesi ho pure una chitarra non mia ma che saprà sempre fare il suo, Una nuova "chitarra portoghese" e capiamoci, non parlo dello stesso strumento e nuova non lo è molto. Per me è comunque un piccolo evento.

Come dicono qui, na próxima vez (prossima volta), avrò visto qualche concerto in più e potrò parlare anche di cose più interessanti.

Qui scopro pian piano che la città pullula di eventi, di più quando la stagione diventa più bassa.

E Come diceva il Buon Fossati,c'è tempo, sempre e io questo tempo ora, me lo prendo tutto. Questa è la canzone che tanto mi accompagna in questi giorni :


Dicono che c'è un tempo per seminare
E uno che hai voglia ad aspettare
Un tempo sognato che viene di notte
E un altro di giorno teso
Come un lino a sventolare
C'è un tempo negato e uno segreto
Un tempo distante che è roba degli altri
Un momento che era meglio partire
E quella volta che noi due era meglio parlarci
C'è un tempo perfetto per fare silenzio
Guardare il passaggio del sole d'estate
E saper raccontare ai nostri bambini quando
È l'ora muta delle fate
C'è un giorno che ci siamo perduti
Come smarrire un anello in un prato
E c'era tutto un programma futuro
Che non abbiamo avverato
È tempo che sfugge, niente paura
Che prima o poi ci riprende
Perché c'è tempo, c'è tempo c'è tempo, c'è tempo
Per questo mare infinito di gente

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.