Passa ai contenuti principali

STATALE 107 bis: La loro intervista

Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Fare musica per noi è scrivere testi, comporre arrangiamenti, suonare uno strumento, registrare in studio, stare sui palchi, viaggiare. In breve: produrre canzoni e farle arrivare al pubblico.
Fare musica ci apre al mondo.
Fare musica ci costringe nel mondo.


I talent sono spesso criticati ma a vostro giudizio, perché riscuotono tanto successo?

L’intrattenimento è uno dei motivi alla base del fare musica, quello più diretto negli effetti e per questo uno dei più facili da apprezzare. Panem et circenses soddisfavano la fame e le pene dei latini di ieri...in fondo, dopo 2000 anni, noi latini contemporanei non siamo poi tanto diversi. Anche questo ha i suoi lati positivi ed i suoi lati negativi.

Credete che un artista debba schierarsi politicamente? Approvate la politica nella musica?

Intendiamoci: parliamo della politica intesa in senso stretto, quella dei partiti e delle elezioni.

In tal senso crediamo che l’arte abbia un ruolo diverso, se vogliamo più arcaico e primitivo.
Il suo ruolo è quello di rovistare al fondo dell’essere umano e quando qualcosa finalmente salta fuori è là che devono intervenire scienziati e politici; ad ognuno il suo mestiere. Quando l’arte si fa strumento per la propaganda di una parte ne esce quasi sempre molto ridimensionata. Di sicuro non è il nostro modo di farla. Preferiremmo che avvenisse il contrario, che le parti scegliessero inni e colonne sonore tra i miliardi di brani oggi a nostra disposizione.

Detto ciò, al cittadino, che sia artista, manager, ingegnere, muratore o disoccupato, dovrebbe essere data possibilità di prendere parte alla gestione della cosa pubblica, ma purtroppo non è così.
Accettereste di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

Avremo la risposta dopo il prossimo consiglio di amministrazione.

Pensate che fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

I rapporti con gli altri hanno bisogno di tempo. Oggi qualsiasi azione che abbia la necessità di inserirsi nel sistema per avere un senso, dalla produzione di carburatori all’insegnamento, per la velocità e l’aggressività che ha raggiunto la nostra parte di mondo, rischia di essere totalizzante in tutte le sue forme. Riuscire a difendere il proprio tempo libero può essere un esercizio estenuante e a volte impossibile.

In questo contesto si inserisce anche il fare musica.


Siete legati alla vostra città o esiste un posto in cui preferireste vivere?
Ogni gruppo che si rispetti ha il suo sterzo d’acciaio, la Statale ha il MaestrAle: 14 ore di autonomia notturna sotto l’acqua battente.
Dalla nostra base operativa grazie a lui siamo in grado di raggiungere in mezza giornata qualsiasi zona dell’Italia continentale. La nostra terra ci piace e per adesso non abbiamo intenzione di abbandonarla.
Per l’estero ancora c’è tempo, ma un brevetto per Ale sarà il nostro primo investimento in tal senso.

Buona musica
Statale 107 bis


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.