Passa ai contenuti principali

LISBOETA di Miriam Gallea

Compiti per tutti: Guardare “Lisbon Story” di Wim Wenders (1994) e scoprire i Madredeus. (*)

Allora: sono a Lisbona da due settimane e devo tristemente ammettere che la mia vita sociale deve fare ancora qualche sforzo:
Non trovo una casa e sono senza chitarra: voi ora (soprattutto gli amici musicisti che leggono), provate ad immaginare la difficoltà.
Ad ogni modo, in questi giorni sono riuscita a fare capolino in qualche locale notturno (movida in Barrio Alto docet) e ad ascoltare qualche concerto… ma non solo nei locali, qui sembra che la musica sia un po’ nell’aria, per le strade, nei ristoranti, nei locali che servono birra e Mojito a 1€ (la reazione mentale collettiva ai drink appena citati sarà: Ma davvero?!), nella metropolitana, e pure all’università (che non c’è, ma sembra).
Ovunque, signori.

Come c’è da aspettarsi, qui il Fado portoghese regna sovrano, perché insomma: è tradizione e qui ci tengono assai (è patrimonio Unesco, non scherziamo!).
Io sono giorni che vago per salite e discese della città alla ricerca della Casa del Fado e quel maledetto di Google Maps mi porta solo nei ristoranti, dove comunque, sarà anche tradizione, ma il 20€ di concerto e cenetta e tessera, fuori lo devi cacciare.
Ripassino
Si dice che il fado è il fado. Un canto e una musica prettamente nostalgica che racconta di pene d'amore, sentimenti, le partenze e la lontananza (infatti la parola stessa “Fado” deriva dal Latino e significa destino -fato-, che lega questo sentimento nostalgico della musica alla famosa “Saudade”).
Ad ogni modo, c’è chi distingue quello dei professionisti da quello dei dilettanti e dove lo si fa: a Lisbona è cantato nei locali, nelle locande spesso durante i pasti, mentre a Coimbra, il fado presenta delle caratteristiche più accademiche ed è cantato dagli studenti, e ancora quello di Oporto, più allegro e di sonorità "maggiore”.
Anche la chitarra portoghese è uno strumento tipico: Chitarra “Fado”, per l’appunto, ha 10 corde, 5 accoppiate a due a due che si suona con quello che noi definiremmo “plettro” (essendo esso uno strumento a corda), ma che sembrano più schede sim del telefono legate con dello scotch alle dita.
Anche qui, le chitarre variano rispetto al tipo di città, Lisbona e Coimbra soprattutto.
Insomma, bello e triste e qualcosa mi ricorda la musica neomelodica napoletana.
Non nego, tra l’altro, di aver trovato molte somiglianze e influenze con la musica Brasiliana in giro per qui: molta Bossa Nova, molta Samba e pure il Forrò, musica prettamente del Nord-est del Brasile che pare vada di moda.. o almeno così oggi l’autista di Uber sosteneva, facendomi ascoltare Forrò per mezzora, sostenendo che qui questo ballo (del Forrò) è super (sarà vero?).
A presto aggiornamenti, vi prometto che qualcosa di nuovo imparerò anche io e magari finirò a mettermi uno scialle nero e cantare piangendo nelle locande, o forse in qualche progetto rock portoghese (Ieri ho conosciuto una sassofonista di Berlino che non vuole più abitare nella casa dove sta perché non può suonare e i parchi - a meno che non siano il Jardim da Estrela, pare che lascino un poco a desiderare.
Qui comunque, a differenza dell’Italia, non pare servano molti permessi per suonare in giro, Buskers, Etc. Tutti apprezzano e son disponibili e i soldi, se suoni, te li danno - anche se pochi - perché te li meriti.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.