Passa ai contenuti principali

QUANDO NON TI SUONANO LA TUA CANZONE PREFERITA di Anselmo Cane

Andare ai concerti è bellissimo, specialmente se vai a vedere artisti che transitano poco dalle tue parti e quindi riesci a goderteli magari ogni 2 o 3 anni. I biglietti di solito li compri mesi prima, hai tanto tempo per organizzare la
trasferta e ti prepari con calma. Delle volte te ne dimentichi per un po’…”ah si vero tra due mesi c’è il concerto!”.




La vera attesa inizia una decina di giorni prima, ti ripassi qualche canzone, vai a spulciare qualche video di concerti vecchi cercando di evitare i video che i fans hanno postato delle date precedenti per non rovinarti la sorpresa. Come vedi che qualcuno scrive la scaletta della serata prima chiudi gli occhi di colpo perché non vuoi sapere nulla.
E in cuor tuo nasce una piccola speranza…chissà se la suonano quella…la tua canzone preferita!
Il problema maggiore è che la tua canzone preferita di quella band non è il singolo di maggior successo oppure la canzone must che non può mancare. Neanche la più radiofonica del penultimo l’album…che quella dai la fanno
sicuro. No la tua canzone preferita è magari la numero 6 del loro secondo album uscito ben 10 anni fa. Non l’ascolta nessuno…La ricordi solo tu e la band molto probabilmente per suonartela dovrebbe ri-provarsela un paio di volte. Tu invece la suoni e la canti tutta al primo colpo, e sai anche che a un certo punto il sintetizzatore fa quella nota lì con quel suono lì e quella nota lì l’hai riconosciuta solo tu ascoltando la canzone milioni di volte. 
La tua canzone preferita piace solo a te e ti meravigli come mai il mondo intero non l’abbia premiata come canzone più bella mai scritta nella storia dell’umanità. E’ la tua canzone preferita e tutti dovrebbero ascoltarla almeno 40
volte e commuoversi come ti commuovi tu possibilmente piangendo ore…
“Chissà se la suonano quella domani…sarebbe fantastico. Magari per variare la scaletta la inseriscono!” cerchi di covare la speranza, anche se sai che è molto flebile, forse troppo. “Figurati se la fanno…ci sono quelle dell’album
nuovo e la più radiofonica del penultimo…che si sono belle…ma Quella…” cerchi di non illuderti. “Eppure su youtube c’è un video del 2007 dove la suonano a Les Eurockéennes! In Francia! Dai che è qui vicino…un paio d’ore, magari la fanno per ricordarsi di quel concerto magnifico!” cerchi fantomatiche relazioni spazio-temporali-mentali che facciano venire l’idea al tastierista di proporla per metterla in scaletta e ovviamente tutti accettano di metterla, anche la produzione, perché dai quella canzone lì in effetti è bellissima ed è da più di 10 anni che non la suonano!
Il concerto poi arriva. Giornata calda, si parte per Milano. Arrivi che c’è già il gruppo spalla che suona, 10 anni fa saresti arrivato alle 4 del pomeriggio, pazienza. La posizione è comunque buona per godere dello spettacolo. Si fa
buio, si accendono le luci e salgono sul palco. Loro. Sono a 10 metri da te e arrivano dall’altra parte del mondo.
Provi a non pensarci…”beh la prima in ogni caso non può essere, devono per forza aprire con una nuova. Non pensarci dai e goditi il concerto”. La seconda è la radiofonica del penultimo album…”beh ovvio quella serve per scaldare di più il pubblico perché la conosce meglio della traccia d’apertura”. Via il concerto scorre. Arriva il settimo brano…”NO! NON PUO’ ESSERE!!! E’ LEI!! – brividoni su tutta la pelle - La riconosco anche se l’introduzione è totalmente diversa!!!” e infatti è la numero 4 del primo album che, diciamocelo, un po’ te ne eri
dimenticato pure tu. Niente, falso allarme. Il concerto raggiunge l’apice, partono i singoli più potenti, la scaletta scorre. Sudore, luci, fumo, suoni e meraviglia. E ti stai divertendo come poche volte capita. Salti, canti e ti sfoghi.
Sono già le 23…ancora una o due e sai che la prima tranche è finita. “E la mia preferita???” un po’ di tristezza ti viene perché le possibilità che la suonino si assottigliano ancora di più. E poi nei bis sai già che ci sarà quella che
non può mancare perché li ha fatti conoscere al mondo intero e perché l’hanno suonata assieme a David Bowie.
Provi lo stesso a sperarci. Rientrano, suonano. Una, due poi parte il must. Poi quella pianoforte e voce. Poi Thank you good night. E si accendono le luci. E tu sei lo stesso felice…però dai pensa avessero suonato QUELLA. Sali
in macchina, è buio e sei stanco. Tiri fuori un cd, il secondo album del 2007 e selezioni la sesta traccia, ancora ammaliato di bellezza. Stanotte farai fatica ad addormentarti.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.