Passa ai contenuti principali

I 5 TIPI DI CHITARRISTI DA SPIAGGIA DA CUI TENERSI ALLA LARGA di Marco Zuppa

L'estate è arrivata e con lei le tanto agognate vacanze.
Preparate il costume, il telo mare, la protezione e vi lanciate in spiaggia pronti al baccaglio. Attenzione però a non incappare nell'incubo del "chitarrista da spiaggia", che potrebbe polverizzare tutti i vostri sforzi di conquista.
Ecco i 5 tipi di "chitarrista da spiaggia" più temuti.



Il cantautore

Una specie insidiosa che inizialmente vi aggredirà con le sue canzoni che parlano di disagio, incomprensioni, e difficoltà della vita. Getterà un velo di malinconia su tutti, salvo poi uscirsene con le cover acustiche di "Riccione" e di "Oroscopo". A quel punto la ragazza al vostro fianco inizierà a ballare con la sua amica e inizierà a fare la gatta morta con il maledetto musicista, mandandovi miseramente in bianco.

Il juke-box

Lui le sa tutte. Gli bastano 4 accordi per sciorinare un'infinità di canzoni. Trasformerà la vostra serata nella sagra della Porchetta di Arriccia e in men che non si dica, vi troverete circondati da 100 persone, 4 griglie e almeno 20 altri maschi arrapati che baccagliano la stessa donna che puntavate voi. Perlomeno potrete consolarvi con la grigliata.

Il virtuoso

Lui sa suonare alla perfezione Dream Theater e Malmsteen ma se gli chiedete di farvi un pezzo di Vasco vi guarderà con disprezzo e risponderà cercando di eseguire una scala minore armonica alla velocità della luce. Purtroppo lo strumento che ha in mano ha le corde talmente distanti dalla tastiera che in compenso i due incisivi frontali di Madonna sono gemelli siamesi. Rinuncerà a suonare e vi trascinerà in una discussione sulla futilità dei vostri gusti musicali impedendovi di procedere al baccaglio. Cederà il posto e lo strumento a....

Il principiante

Lui porta la chitarra sempre perché ormai ha detto ai suoi amici che suona. Purtroppo non sa fare altro che "La canzone del sole" e "Imagine" e ve le farà sentire per tutta la sera. Incassatevi le prime due esibizioni ma cercate di partire di lingua alla seconda replica di "Imagine" o rischiate che la vostra donzella si allontani con l'amica con la scusa di andare in bagno e venga intercettata dal palestrato di turno. 

Il neo-classico

Lui è veramente pericoloso. Diplomato al conservatorio eseguirà Bach e Mozart catturando l'attenzione di tutti per poi mettervelo malamente in quel posto suonando la sigla di "Game of Thrones". La vostra ambita preda difficilmente non verrà colpita da una simile performance. Per arginarlo chiedetegli di parlarvi di "Game of Thrones" e smascherate il nerd che c'è in lui. Potrebbe essere la vostra sola chance.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

SPREAD - I vincitori di Sanremo sono solo retorici

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

​Inutile negare l’importanza dei like nel mondo della musica di oggi. I social però sono solo uno strumento che può aiutare a veicolare la tua musica. In sostanza: un buon disco può darti tanto
gradimento mentre tanti like da soli non fanno un buon disco. Comunque questi discorsi contano poco per noi che amiamo la musica ed è solo alla musica che rendiamo conto. È una cosa che si facciamo per stare bene con noi stessi. Insomma, meglio fare un bel disco che avere tanti like
ma chi può dire se un disco è buono? Di fatto i social in questo sono un termometro impareggiabile.