Passa ai contenuti principali

HYSTERIA 30 ANNI DI UN MITO di Marco Zuppa

Il 1987 deve aver avuto lo stesso splendido impatto della luce in fondo al tunnel per i Def Leppard.

Il gruppo inglese si è chiuso in studio 3 anni prima per lavorare ad un nuovo disco.



Da allora è successo di tutto. Robert John "Mutt" Lange, il loro produttore designato, abbandona il progetto perché esausto dai ritmi tenuti nel corso di anni di registrazione.
A lui fa seguito Jim Steinman il cui lavoro però, non convince la band.

Le sessioni di registrazione proseguono con la band che inizia a pensare di produrre autonomamente il disco ma il 
31 dicembre 1984, Rick Allen batterista della band resta coinvolto in un incidente stradale che gli costa il braccio sinistro.

Allen non si scoraggia e nemmeno la band. Mentre il batterista studia e impara a suonare un kit metà acustico e metà elettronico il produttore "Mutt" Lange torna in studio con la band.

Dopo tante vicissitudini, il 03 Agosto 1987 Hysteria viene finalmente pubblicato.



Un album pensato per essere una versione hard-rock di Thriller di Michael Jackson, in cui ogni brano fosse un potenziale singolo.

Da questo incredibile album sono stati estratti 7 singoli diventati classici senza tempo per i fan della band e del rock in generale.

"Pour some sugar on me", "Armageddon it", "Women", "Love bites", "Rocket", "Animal" e la title-track "Hysteria".

Un disco e una storia incredibile, in cui l'impegno e la volontà di un gruppo ha fatto la differenza.

Di fronte a tante complicazioni che avrebbero scoraggiato i più, i Def Leppard sono riusciti in un'impresa titanica che è rimasta nella storia. 
Un disco che è un vero mix tra hard-rock e pop e che verrà ristampato domani in varie versioni commemorative.

Dal punto di vista artistico e umano, quello dei Def Leppard è stato un coraggioso salto nel vuoto anni prima che i video motivazionali ci dicessero come sognare e cosa inseguire.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.