Passa ai contenuti principali

HANK WILLIAMS: ROAD TO DEATH di Marco Zuppa

Il prototipo del cantante country: cappello, giacca con le frange, cravatta e quei pezzi country-blues che parlano di amore, solitudine e tramonti.

Hank Williams è una star del suo genere. 11 brani al numero uno delle classifiche country, 17 nella top ten tra il 1947 ed il 1954 ma nonostante questo, la schiavitù dalla droga si fa sentire.



Afflitto fin da giovane da una malformazione alla spina dorsale curata con la morfina, ne diventa presto assuefatto.

E' il 1953 e i suoi live si sono protratti tra grandi successi e profondi fiaschi. Quando è in forma Hank è capace di reggere anche tre ore di concerto ma se si lascia andare, è la fine. Si dice che una sera abbia bevuto più lui di tutto il resto della band. E quella sera pare non abbia brillato sul palco.

Ad ogni modo è Dicembre e lui ha in programma un concerto il 31 a Charleston.
A fargli da autista chiama Charles Carr, studente neopatentato e senza il becco di un quattrino.

Il viaggio viene interrotto da una forte bufera e durante le soste Hank non perde l'occasione per farsi un goccio.

Tra un ritardo e l'altro diventa presto palese che non sarebbero mai arrivati in tempo. Hank concorda quindi con il suo agente un altra data, l'1 Gennaio a Knoxwille.

Via di nuovo quindi in strada, lui dietro, steso sui sedili posteriori e Carr davanti a guidare come un matto nella neve per più di ventiquattro ore filate. 

Finalmente alle 5:30 del mattino, stremato, si accorge che a Williams è caduto il soprabito. Lo raccoglie e si accorge che Williams non respira.

La corsa in ospedale è inutile e alle 7 del mattino Hank Williams viene dichiarato morto.
Sul taccuino che aveva con sé, contenente gli appunti per le sue nuovi canzoni, una frase recita "then the fateful day came".





Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.