Passa ai contenuti principali

CSNY SESSO DROGA E ROCK N' ROLL di Marco Zuppa

Uno degli effetti della cocaina è quello di lasciare il naso freddo.
Probabilmente è per questo motivo che David Crosby ha pensato al nome di "Frozen Noses" per la band in cui suona. 

Fortunatamente il nome non è stato approvato ed è quindi diventato "Crosby, Still, Nash and Young".




E' il 1974 e i tre hanno diviso le loro strade già da 4 anni. La voglia di riprovarci però si fa sentire e quindi eccoli di nuovo a provare nel ranch di Neil Young, dove allestiscono un palco enorme.

I 3 sono talmente "discreti" che un sacco di gente si accampa sulle colline vicine per godersi le prove a distanza.

Il tour sarebbe partito il 9 Luglio e non sotto i migliori auspici. Il road manager Chris O'Dell dichiarò di aver visto un gruppo di persone il cui compito era di aprire i pacchetti di Marlboro, svuotare le sigarette dal tabacco e riempirle di erba. Il tutto in modo assolutamente meticoloso, onde evitare controlli.
Lo stesso veniva fatto con le capsule di vitamina C, stavolta riempite di cocaina.

Gli effetti del tour si fanno sentire presto, con Crosby, Still e Nash impegnati in continui litigi furibondi e stremati dai ritmi di veglia sempre sballati cui si sottopongono.

Solo Neil Young resta fuori dal coro. Lui viaggia con suo figlio, non passa molto tempo con gli altri, cosa che gli risparmia non pochi imbarazzi, dato che Still era solito provocare le persone, soprattutto se in botta di cocaina.

Esemplare la sua critica a Bob Dylan che, passato a salutare i 4 in albergo dopo un concerto, si sentì dire qualcosa nelle sue canzoni non andava bene. Non è facile dirlo a uno considerato un vate. D'altronde Still chiuse anche il tour in bellezza quando il 9 settembre, dopo il concerto alla Wembley Arena iniziò a firmare autografi con scritto "Stephen Still US Marine Corps" perché convinto di aver combattuto in Vietnam.....


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.