Passa ai contenuti principali

VIVI E MORTI A NYC di Miriam Gallea

Di questi giorni negli USA, come non approfittare di un po' di vita notturna a NYC? 
Come uno può immaginare, è pieno zeppo di locali dove fanno suonare, a partire dal famoso Cafè Wha?, dove hanno suonato i nomi più grandi della cultura rock e folk americana.
Ma c'è un posticino nell'East Village, dov'è questa cosa del suonare dal vivo è direttamente in vetrina: al Rockwood Music Hall 7 giorni su 7, su 3 palchi differenti ci suonano almeno 20-30 gruppi a sera. Come resistere?



Ci siamo subito imbattuti in un certo "Deadfellow", un piacione di Philadelphia che, come si scrive, fa: "love songs for contemporary listeners". (Titolo peraltro del suo album del 2016, quello del 2017 giusto in uscita). 
Il tipo, capello lungo, camicia aperta con mocassino viola con paillettes, con addosso anche uno spiccata aria da cane bastonato che si accoccolerebbe alle tue gambe quando ti siedi vicino al fuoco.
"Miss California" è LA super Hit, non si riesce a smettere di ascoltarla, fa parte del nuovo album, Mescalifornia. Ma per capire meglio il personaggio, bisogna vedere il video del suo lavoro precedente.
Uno che mentre va a comprare la carne dal macellaio, gli viene in mente LA ragazza, che da titolo - I dreamed I lost my girl- è chiaro che l'abbia persa.
Insomma, non potete capire la drammaticità della situazione e della tristezza di Deadfellow fino a quando non lo vedi dal vivo e capisci che tutti sto magone c'è l'ha ancora addosso quando suona.
Ma parliamo della band: una chitarra elettrica con due pick-up modificati e con pedaliera che manco Steve Vai, con l'unica missione di "disturbare" l'ascoltatore con suoni dissonanti messi un po' a caso.
Il basso, essenziale e sardonico come il bassista.
Batteria dritta e precisa e un pianoforte/tromba di giusto contorno e tappeto. 
E poi lui, il nostro Deadfellow, troppo timido per guardare il pubblico, con le sue chitarre canta d'ammmore e richiedere solo di essere ascoltato.
Da NYC è tutto, da questo Rockwood Music Hall, che a far suonare tutte le sere, fa anche un po' pensare che noi musicisti a questo sogno americano e ai secchielli con su scritto "tips for the band" un poco lo si crede ancora possibile.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

SPREAD - I vincitori di Sanremo sono solo retorici

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

​Inutile negare l’importanza dei like nel mondo della musica di oggi. I social però sono solo uno strumento che può aiutare a veicolare la tua musica. In sostanza: un buon disco può darti tanto
gradimento mentre tanti like da soli non fanno un buon disco. Comunque questi discorsi contano poco per noi che amiamo la musica ed è solo alla musica che rendiamo conto. È una cosa che si facciamo per stare bene con noi stessi. Insomma, meglio fare un bel disco che avere tanti like
ma chi può dire se un disco è buono? Di fatto i social in questo sono un termometro impareggiabile.