Passa ai contenuti principali

OSC2X: la loro intervista


1. Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Di positivo c'è che ti fa vivere la vita in modo poetico invitandoti a vedere il significato profondo di ogni piccola cosa. Di negativo c'è il fatto che comunque non stai coltivando un campo che ti darà un frutto che mangerai. Non stai allevando delle mucche che ti daranno del latte da bere. Insomma puoi fare musica per tutto il giorno ma non è detto che oggi mangerai.



2. I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?
Per tanti motivi. Prima i giovanotti ascoltavano musica su Mtv, poi Mtv è gradualmente svanito. In quel momento storico c'era un buco e bastava solamente riempirlo con una proposta musicale vagamente diversa da quella di Mtv e che reggesse la concorrenza di Youtube (che nel frattempo è diventato il nuovo mezzo di approvvigionamento musicale). La risposta era semplice: mettere in concorrenza una musica con un'altra, un cantante contro un altro ecc. A giudicare i cantanti ci hanno messo dei teen idols che da soli portavano un botto di ascolti e il gioco è fatto. È il canto del cigno del media che chiamiamo TV.

3. Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?
La politica nella musica è una cosa estremamente pericolosa soprattutto in un paese come il nostro. Io vorrei solo che uno per suonare non debba per forza vendersi in contesti politicizzati come le feste dell'Unità, circoli Arci, centri sociali "occupati" che fanno concorrenza sleale al mercato libero. Non è giusto che lo stato aiuti certi locali e tassi gli altri. Mettere contenuti politici nelle canzoni è molto prolifico e ci si approfitta dell'ignoranza di certe masse che accorrono. Per fortuna il popolo italiano è tutt'altro che stupido. E spesso sa riconoscere la qualità.

4. Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?
Accetterei molto volentieri consigli più che compromessi. Dire compromessi è brutto, il pubblico là fuori non va visto come un nemico. Lo scopo primordiale della musica è quello di avvicinare la gente e stare bene insieme e se qualcuno mi dicesse come poterlo fare lo ascolterei a tutt'orecchie. Anzi io chiedo sempre a colleghi, amici, fidanzate e parenti cosa ne pensano di quello che faccio e ognuno dice la sua su come potrei migliorare, io ascolto sempre le persone di cui ho stima e a volte quello che mi dicono apre a un sacco di belle idee.

5. Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?
Di brutto.

6.Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?
Bologna è stata la capitale di due cose: la musica indie e il basket che sono le due cose che mi hanno formato più di qualsiasi altra cosa. Più dell'educazione dei miei genitori, per dire... E' stata una benedizione nascere e crescere qui. Tuttavia sogno di esplorare il mondo per trovare il mio giardino dell'Eden, ma prima vorrei dare indietro qualcosa, ora che i tempi non sono più felici come qualche anno fa... Sento di dovere essere l'anello di congiunzione tra due generazioni che al momento sembra non vogliano avere niente a che fare l'una con l'altra. E non le biasimo.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.