Passa ai contenuti principali

TUTTA MIA LA CITTA' di Matteo Gorgolione

“Da un’automobile che passa qualcuno grida va’ a casa”, cantava un giovane Maurizio Vandelli al “Cantagiro” del 1969. E avrebbe avuto ragione, questo “qualcuno” in automobile, a gridarmi “va’ a casa”, perché “Tutta mia la città” è una bellissima canzone, un piccolo capolavoro di melodia e produzione. E poi, le prime parole: “No, non verrai, l’orologio della strada ormai corre troppo per noi”. 




Ora, provatemi a trovare un inizio più fulmineo e appassionato. Impossibile (io sono un grande appassionato di inizi di canzone, è la cosa che sento subito e mi fa decidere se mi piace o no). Che tempi! Comunque lo sconosciuto avrebbe senza dubbio intuito il mio grande disagio, la mia difficile postura, e soprattutto il mio imbarazzo nell’essere sorpreso a fare l’azione che mai e poi mai avrei pensato di fare nella mia vita. Stavo percorrendo la statale, e a un certo punto mi sono fermato per fare benzina. Non c’era nessuno. Mi fermo e metto la carta, quindi seguo con tranquillità e indifferenza l’invito della macchinetta a “guardare l’altro display”. Mentre rigiro gli occhi per tornare a “guardare l’altro display”, si ferma alla pompa vicino alla mia un tale in moto. Scende, mette il cavalletto, il cavalletto si rompe e la moto cade. La moto non era un Grillo, ma una moto di grossa cilindrata, la più potente cilindrata del mondo. Lui inveisce, e si china per tirare su la moto. A quel punto, senza dir nulla, mi avvicino. A volte un silenzio vale più di mille parole (anche se quasi sempre mille parole valgono più di un silenzio). Il problema è che a quel punto ho pensato: “ma se in questo momento passa un mio amico e mi vede lì a sforzarmi come un cristo a tirare su una moto pesante come il cemento, cosa penserà di me?”. “e se qualche conoscente mi scambiasse per il centauro?”. E quindi eccomi lì, a vergognarmi un pochino, e a sperare che nessuno passasse e mi vedesse. Io ho una reputazione, altro che moto di grossa cilindrata, io sono per l’apatia, la noia, il guardare il soffitto. Non è tutta mia la città, è tutta vostra, solo vostra. E quindi, e se mi vede qualcuno, e se questo qualcuno si fa un’idea sbagliata di me? Io che appoggio le mani sulla sella, io che guardo da vicino la carena, io che mi sforzo per qualcosa, soprattutto. Proprio io che non mi piace viaggiare, proprio io che non mi piace quell’idea di libertà, la velocità, proprio io che non percorrerò mai la route 66, proprio io che so per certo che non indosserò mai una tuta Dainese in vita mia!! Come avrei potuto spiegare l’equivoco? Il tale mi ha ringraziato, e io sono scappato in macchina. È che per me qualsiasi gesto pratico è un piccolo turbamento, un tradimento, e più è lontano da me il gesto (io e la moto), più mi sento a disagio. Ancora adesso, a distanza di giorni, ho paura di incontrare qualcuno che mi dice “ti ho visto una settimana fa che tiravi su una moto, ma eri tu?…no no.. Perché sembravi proprio tu… dai dillo che eri tu… magari un giorno ci facciamo un giro insieme!”. Per tutta la città, magari, come cantava uno splendido Maurizio Vandelli.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

SPREAD - I vincitori di Sanremo sono solo retorici

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

​Inutile negare l’importanza dei like nel mondo della musica di oggi. I social però sono solo uno strumento che può aiutare a veicolare la tua musica. In sostanza: un buon disco può darti tanto
gradimento mentre tanti like da soli non fanno un buon disco. Comunque questi discorsi contano poco per noi che amiamo la musica ed è solo alla musica che rendiamo conto. È una cosa che si facciamo per stare bene con noi stessi. Insomma, meglio fare un bel disco che avere tanti like
ma chi può dire se un disco è buono? Di fatto i social in questo sono un termometro impareggiabile.