Passa ai contenuti principali

PORTARE LA MUSICA IN CITTA' O NELLA TESTA DELLA GENTE? di Marco Zuppa

Qualche giorno fa sono venuto a conoscenza del progetto Oppiper.
Questa app, in fase di sviluppo e attualmente alla ricerca di fondi su Eppela, si propone di riportare nelle mani del pubblico, la scelta dei live della propria città.




Spunto molto interessante, per cui sono andato ad informarmi. 
Nella loro presentazione, i 3 ideatori scrivono che "Nel 2016 il 78% dei cittadini italiani non ha assistito ad alcun concerto. Questo fenomeno è dovuto a un crescente distacco tra artista e pubblico". 
Leggendo questa premessa, mi sono sorti alcuni dubbi.

Se davvero la percentuale di persone che non hanno assistito a un concerto nel 2016 è così alta, non credo sia colpa del distacco tra artista e pubblico. 
Il motivo, almeno a mio parere, è da ricercarsi nel distacco verso la musica live.
Oggi con i vari social gli artisti sono facilitati ad essere in contatto con il pubblico. Forse però non sempre si riesce a comunicare via social.

Se pensiamo ad un concerto, l'idea condivisa è legata ad un mega concerto, cantando le canzoni di un artista famoso. L'idea del live di una band sconosciuta eseguito in un pub mentre qualcuno vuole cenare e parlare, è già molto diversa. A volte pare quasi gli si dia fastidio.

Oppiper è un'iniziativa lodevole che spero raggiunga il suo traguardo ma in cui vedo dei limiti. Per primo, come fare a chiedere un contributo a una popolazione così distante dai live?
Forse il primo passo dovrebbe essere quello di tornare a sensibilizzare il pubblico verso i live.


L'idea è molto buona ma non dimentichiamo che, pur richiedendo un live di un gruppo, ci sarà da organizzare quel concerto, da coprire delle spese. Siamo certi che un gruppo di Milano abbia la garanzia di un cachet sufficiente ad andare a soddisfare il suo pubblico a Vicenza? Un gestore non può basarsi solo sulle persone che hanno chiesto quel live, sarebbe la stessa logica degli eventi Facebook e, come tutti noi musicanti sappiamo, numero di presenti e partecipanti non sempre coincide (nel bene e nel male).

Inoltre come farebbe un gruppo a farsi conoscere e crearsi una base di pubblico su un'altra città, senza esserci andato già prima più e più volte?
A quel punto però non avrei più bisogno di una richiesta da parte del pubblico.

Consideriamo alla fine quanta attenzione i social realmente raccolgono.
Quante pagine segue ogni persona su Facebook? Tante.
A quanti eventi viene invitata ogni persona su Facebook? Tanti.

Quante volte avete aperto il video di un gruppo di amici, conoscenti, cugini, ecc per ascoltare il loro ultimo brano? Poche.

Smentitemi pure, ne sarò felice.

Per me il social è una parte del lavoro di una band oggi. 
Per fare musica dal vivo però, tocca fare altri passi. 
Tocca contattare locali e gruppi fuori regione, organizzarsi con loro, fare scambi date, lavorare insieme e smetterla con l'idea che un buon profilo Facebook e un'inserzione sponsorizzata possa davvero fare la differenza.

Tocca lavorare su uno spettacolo che sia coinvolgente, pensare al live come ad un grande evento, che coinvolga il pubblico e ci aiuti a crearci un seguito.

Insomma pur applaudendo all'iniziativa, credo che il primo passo necessario sia riportare la musica nella testa della gente, siano essi sopra o sotto un palco.




Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.