Passa ai contenuti principali

LA BUONANOTTE di Marco Zuppa

"Quand'è stata l'ultima volta che ti sei svegliato sorridendo?"

Questa domanda mi ha colpito all'improvviso come una martellata.
Io so esattamente quando sono felice, solo che a volte faccio fatica a comunicarlo.
Perché se posto una canzone d'amore lenta sul mio profilo Facebook, non sono necessariamente triste e non sto necessariamente pensando a qualcuno.




Magari sono solo incantato dall'armonia o da un assolo particolarmente sentito.
Oggi viviamo in una società comoda. Abbiamo mezzi di trasporto, svaghi, eventi, internet, locali ecc.

Ci illudiamo di capire le persone in base a quello che postano perché in realtà oggi ci esprimiamo così, a colpi di post e commenti con cui sfoghiamo le nostre opinioni, quasi sempre calde e quasi mai riflettute.

I grandi concetti sono già pronti all'uso, grazie alle pagine di aforismi adatti a qualsiasi occasione. Non c'è bisogno di pensare un concetto, qualcuno lo avrà già detto per te e meglio di come sapresti fare tu.

Siamo la generazione Matrix, con la differenza che ci siamo incatenati alle macchine da soli e non per apprendere, bensì per lobotomizzarci.

Ci siamo privati del lusso di vivere in libertà il nostro tempo.
Il cellulare è il nostro compagno fedele, occhio vigile su tutto e guardiano instancabile. 

Preferiamo tenere gli occhi sullo schermo, guardare gli orari di accesso, le foto, i commenti, invece che guardarci attorno, correndo così il rischio di vedere qualcosa. Magari incrociare uno sguardo, un sorriso. O semplicemente sentire un bel suono.

In un'epoca così difficile c'è ancora chi ha la voglia di fare poesia, musica, danzare, dipingere. C'è ancora chi ha voglia di creare qualcosa non per ottenere un posto al sole ma per l'esigenza di farlo.

Ironicamente chi ci ha descritti al meglio è stato Samuele Bersani nel lontano 1997, quando in Giudizi Universali cantava: "troppo cerebrale per capire che si può star bene senza complicare il pane".

Ecco io oggi ho deciso di farlo un pò più semplice, il mio pane.
Ho deciso di prestare attenzione a tutte quelle piccole, futili cose che mi rendono felice come suonare, cantare, abbracciare i miei cari e perdermi nei miei mille pensieri e progetti.
Perché domani voglio svegliarmi sorridendo.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.