Passa ai contenuti principali

DAMMI TRE PAROLE di Paolo Plinio Albera

Dammi un tormentone. Una canzone che parli di sole cuore amore. Un disco per l'estate (che nel caso specifico è quella del 2001, finita col crollo delle Torri Gemelle).

Mettilo in circolazione. Molto più che un tormentone: un tormento. La prima volta che la sento penso: che stronzata. La seconda volta penso: la odio già. La terza volta penso: giuro che se la sento una quarta volta sparo.

Ma come diceva Luca Carboni “le stronzate piacciono senza un perché”. E la canzone va, vola, virale, contagia le persone, perché non abbiamo sufficienti anticorpi per fermare le epidemie che il pop commerciale ciclicamente propaga. Dillo ora ai “no vax”: pensiamo di esserci vaccinati ascoltando i Nirvana e i Joy Division, ma vogliamo che i nostri figli siano liberi di ascoltare Sole Cuore Amore.



Il disco per l'estate dilaga. Le radio. Il video su MTV. Il Festivalbar. Le serate in discoteca. Le feste in spiaggia al Bagno Marinella. La canzone conquista la gente con la sua spensieratezza, perché nessuno è al riparo dai raggi ultravioletti del sole, nessuno è vivo se si arresta il cuore, nessuno può esimersi dai dolori strazianti che porta l'amore.

Quarta volta che la sento penso: sparo, dammi tre pistole. Quinta volta penso: il tribunale dell'inquisizione non sarebbe una cattiva idea se applicato alla musica. Sesta volta raggiungo il mio top della crudeltà: “ah, se esistesse Facebook...”

Ma è solo il 2001. Finisce l'estate, inizia la paura. New York, abbiamo un problema. Il teleschermo del bar dà le immagini dell'apocalisse. Intanto la canzonetta, in sottofondo, continua a cantare dammi tre parole.

Finisce l'anno, la canzone scema. Scema nel senso che l'onda diminuisce di intensità e inizia il riflusso: la senti molto di meno perché sostituita da altri tormentoni. Poi di colpo non la passano più, ma non te ne accorgi davvero, non penserai mai “ehi, che fine ha fatto la tipa di Sole Cuore Amore?”.

Come diceva Luca Carboni “le band si sciolgono senza un perché”, e ogni tanto vale anche se non hai una band. Valeria Rossi sparisce nel nulla.

E poi, anni dopo, accade. Una trasmissione che parla di meteore ti fa riascoltare quella canzone. Di colpo ti riaffiora a galla un mondo, un'età, un'estate. E riconsideri quel tormentone in maniera bonaria, magnanima, quasi dolce, ti sembra una stronzata tutto sommato buffa e sopportabile rispetto alla ripugnante “I'm in love with your body” di Ed Sheeran. Perché in fondo siamo tutti un po' revisionisti, e molto miti con i nemici che sono ormai inoffensivi. Persino Berlusconi non ci fa più paura.


Ma con i pericoli di stretta attualità siamo delle iene. Questo è naturale. Abbiamo bisogno delle cose brutte per ricordarci quanto sono belle le cose belle. Sole cuore amore: roba brutta di cui abbiamo avuto bisogno.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.