Passa ai contenuti principali

A TOTAL WALL - Leggi l'intervista alla band

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Ci sono molti aspetti positivi: è un modo di esprimersi diretto e universale, in grado di creare realtà mentali al limite del tangibile (Purtroppo il limite tra tangibile e mentale, tra realtà ed arte è terribilmente frustrante). 
E' la forma di espressione più astratta che esista e per questo la consideriamo la più alta.
Un aspetto negativo è che richiede un'enorme dedizione e un lavoro infinito, sia in termini di tempo che di impegno; a volte questa cosa passa inosservata.  

2) I talent sono spesso criticati ma a vostro giudizio, perché riscuotono tanto successo? 

Sono criticati per lo stesso motivo per cui riscuotono successo: originano da e si rimettono al mondo dell'economia musicale; tutto è legato e indirizzato all'audience e viene romanzato.
Vengono creati dei prodotti pronti per il consumo; in questo senso ha poca rilevanza criticarne l'aspetto artistico da un punto di vista culturale.
I concorrenti sono dei personaggi selezionati e studiati perchè il pubblico ci si identifichi, e spesso si sconfina nella telenovela cadendo molto in basso pur di firmare un contratto discografico.

3) Credete che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvate la politica nella musica?

In generale non ci piace che la politica si mischi con la musica o che un artista debba schierarsi politicamente. 
Non approviamo la scelta di mettere la politica nella musica anche se spesso è un mezzo efficace per esprimere le proprie idee e per far riflettere su diverse problematiche.
Pensiamo che inserire la politica nella musica finisca col corromperla e svilirla, riducendola a un mezzo di propaganda.


4) Accettereste di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

Facendo un genere molto di nicchia non avrebbe senso snaturare la nostra musica per raggiungere un pubblico maggiore; rendere la nostra musica più orecchiabile o appetibile alla massa ci precluderebbe proprio quel pubblico che cerchiamo.
Il genere che facciamo è una scelta precisa che ci identifica e siamo consapevoli di quello che ne consegue.


5) Pensate che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?


In generale pensiamo che influenzi i rapporti, essendo una forte passione le persone che ci stanno vicino sono consapevoli dell'importanza che ha nelle nostre vite.
Si tratta di avere priorità che non tutti forse possono capire; il suonare e lo studiare musica ci portano a legarci a un mondo che chi ci sta intorno ha deciso di accettare.
Il fare musica per come la intendiamo noi richiede un grande impegno, sia in termini di tempo che di energia.

6) Siete legati alla vostra città o esiste un posto in cui preferireste vivere?


Siamo legati alle nostre città ma vivremmo volentieri a:

Umberto: San Francisco, Tokyo
Davide: mi piace Milano, ma penso che potrei vivere benissimo in California, a New York, in Australia, nel Regno Unito o magari nel Canada occidentale - la parte dove non fa eccessivamente freddo :)
Gabriele: Stoccolma, Kyoto, Honningsvag, Sapporo. Diciamo pure che mi piace il freddo.
Riccardo: Amsterdam, ma per ora mi accontento di Albizzate


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

SPREAD - I vincitori di Sanremo sono solo retorici

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like o un buon disco?

​Inutile negare l’importanza dei like nel mondo della musica di oggi. I social però sono solo uno strumento che può aiutare a veicolare la tua musica. In sostanza: un buon disco può darti tanto
gradimento mentre tanti like da soli non fanno un buon disco. Comunque questi discorsi contano poco per noi che amiamo la musica ed è solo alla musica che rendiamo conto. È una cosa che si facciamo per stare bene con noi stessi. Insomma, meglio fare un bel disco che avere tanti like
ma chi può dire se un disco è buono? Di fatto i social in questo sono un termometro impareggiabile.