Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2017

DRACULA DELLA PFM: L'OPERA PERDUTA di Marco Zuppa

E' l'anno 2005. Il successo di un musical come Notre Dame de Paris, sembra aver aperto le porte a un nuovo tipo di musical.
Forse è per questo che si decide di creare uno show incentrato sulla figura di Dracula.
La produzione, a cura di Davide Zard, non sembra badare a spese e coinvolge addirittura la PFM per le musiche, oltre ad un cast di prim'ordine, che vede Vittorio Matteucci (già in Notre Dame), nei panni del vampiro e con lui Max Corfini, Maria Grazia Di Valentino, Sabrina De Siena, Davide Benedetti e Max Corfini.


Lo spettacolo farà tappa a Milano, Roma e Verona e non verrà mia replicato.

LA BUONANOTTE di Marco Zuppa

Ha senso regalare la propria musica?

Anzi, ha senso regalare la propria arte?

Gli U2 hanno distribuito gratuitamente per gli utenti Apple il loro disco "Songs of innocence", i Public Enemy stanno per distribuire gratuitamente il loro nuovo disco "Nothing is quick in the desert".



NOISEBUSTERS - Abbiamo incontrato la rock band di Roma

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?


Sicuramente l’essere riusciti a formare una band, a trovarsi musicalmente ed umanamente con altre persone con le quali si costruiscono dei percorsi che riguardano, o che vorremmo che riguardassero, il nostro futuro sotto quasi ogni aspetto della vita (passione, lavoro, riuscire a raggiungere un pubblico sempre più vasto) è la parte più importante del fare musica insieme. Il lato negativo che noi sentiamo abitando in una città come Roma, è la difficoltà oggettiva del riuscire a trovare uno spazio dove organizzare un concerto in proprio, considerando l’enorme numero di persone che fanno musica e ricercano concerti.

TESTE DI MODI' 2.0 di Marco Zuppa

Cala il sipario.Si accendono le luci. Applausi.
Lo spettacolo è finito, la maschera è caduta. Cambogia non esiste.
La maschera caduta però, non è quella del personaggio Cambogia. Paradossalmente, è la nostra.
Quella degli artisti e del pubblico, entrambi colpevoli ed entrambi puniti giustamente da uno scherzo mediatico.
Come in passato fu il caso delle teste di Modì, ma con post e comunicati stampa al posto dei sassi.

RADIO MAY WAVE - Leggi l'intervista alla band svedese

Abbiamo incontrato Simone Odoardi, bassista e produttore dei Radio May Wave, indie/alternative rock band da Stoccolma.
1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Fare il musicista è tanto lavoro. Non è solo scrivere un paio di canzoni, registrare un demo ed andare in giro per locali. È qualcosa che devi curare ogni giorno. Intrattenere rapporti con persone, contattare i media, tenere insieme la band e fare in modo che tutti siano contenti. Cercare di tenere la motivazione alta per sè stessi e gli altri. È un investimento di tempo e denaro. Personalmente lo trovo molto stimolante e vedere il progetto crescere e riscuotere successo è una soddisfazione incredibile.



PORTARE LA MUSICA IN CITTA' O NELLA TESTA DELLA GENTE? di Marco Zuppa

Qualche giorno fa sono venuto a conoscenza del progetto Oppiper.
Questa app, in fase di sviluppo e attualmente alla ricerca di fondi su Eppela, si propone di riportare nelle mani del pubblico, la scelta dei live della propria città.



ELISE - Intervista alla cantante siciliana

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?Se parliamo di musica penso che ci siano tantissimi aspetti positivi nel farla, più positivi che negativi. Il condividere sensazioni diverse, il trasmettere un’emozione a seconda dello stato d’animo che ognuno di noi vive in quel momento, anche lanciare un messaggio attraverso la musica è un fattore positivo, riuscire addirittura a comporre è per me una sorta di liberazione, ed è straordinario vedere come ogni emozione riesca a trasformarsi in una canzone. Quando poi le note che hai composto vengono apprezzate dal pubblico che hai davanti è una gioia unica. I lati negativi in ambito musicale forse esistono solamente recentemente ma è più un problema di come gira il mercato che di musica stessa. La musica è e rimane sempre uno strumento che lega sentimenti, ricordi, momenti belli per tutti, a prescindere dall’età dell’ascoltatore.


LUMEN FESTIVAL 2017

Oggi è il 21 Giugno e, oltre ad essere il primo giorno d'estate, è la data di inizio della quinta edizione del Lumen Festival di Vicenza.




ETERNAL MAN di Miriam Gallea

Jeff Buckley è un punto di riferimento. Sapete, di quelli che quando si è ragazzini e ci si vuole rintanare un poco, ci si mette due cuffie e via. Per me Jeff in quelle cuffie una volta mi ha fatto un grande regalo e un poco ho voglia di raccontarvelo.  All'epoca stavo studiando anche canto, oltre strumento, e a fine lezione il mio insegnante mi disse di ascoltare "Grace", l'album intero . E in particolare Lover, you should've come over. 

OAKLAND - Intervista alla band

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Per noi la musica è una chiave di interpretazione della complessità del presente. In questo senso, la "collaborazione", intesa come processo tra più persone che si adoperano per un obiettivo comune, rappresenta, a nostro avviso, uno degli elementi più interessanti e positivi del fare musica. Poter collaborare con persone provenienti da realtà e mondi sonori differenti dal nostro, ci permette di crescere e creare nuove forme di ibridazione. Un aspetto negativo può essere una maggiore sensibilità e permeabilità dell'animo dell'artista rispetto alle situazioni esterne del presente. Tuttavia, questo aspetto è anche il motore per la creazione di nuova musica. Quindi, ci viene difficile trovare un aspetto totalmente negativo.

TANGO di Matteo Gorgoglione

Un soffio leggero di vento, l’istante degli ultimi giorni di estate, un sereno cielo stellato: gli ultimi frammenti di tutto e di nulla. Sono solo, davanti a questa piccola chiesa. Aspetto che la ragazza all’ingresso mi stacchi i biglietti per un concerto per chitarra di musica sudamericana, due interi e due ridotti. Intanto guardo la locandina del concerto. 



PAOLA TURCI AL BARI IN JAZZ 2017 di Anselmo Cane

L’altro giorno stavo ascoltando la radio a casa mia, in particolare il giornale radio della rai. Mi ha colpito una notizia…svelato il calendario del Bari in Jazz 2017, sarà Paola Turci a chiudere la rassegna. Paola Turci? Jazz? Ok…iniziamo a mettere le premesse va. Niente contro Paola Turci (anche se il singolo sanremese non lo ritengo all’altezza della sua carriera), niente contro il Bari in Jazz, niente contro il Jazz, niente contro gli altri stili musicali che girano ai giorni nostri. Ma cosa centra Paola Turci in un tabellone di un festival jazz?

IL GIARDINO - Leggi la loro intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Spesso dico che avrei preferito avere la passione per lo sport, che so, essere un centometrista, piuttosto che fare musica: se fai 100 metri in 9 secondi, nessuno può contestarlo, sei il più forte e basta. Nella musica invece tutto dipende dal giudizio altrui, perché l'arte è altamente soggettiva. Nessuno ha ragione e nessuno ha torto, anni di sforzi si dissolvono con un "non mi piace". Stare costantemente alle dipendenze dell'opinione degli altri è abbastanza difficile. L'aspetto positivo è che, se va bene, è molto divertente fare musica. Si va in giro, si suona, ci si diverte e si fanno divertire gli altri. È utile anche come atto catartico, trasformare in suono ciò che si ha dentro. Tutti i lati negativi alla fine vanno via quando si è sul palco o quando qualcuno apprezza una nostra canzone...altrimenti non lo faremmo.

DAMMI TRE PAROLE di Paolo Plinio Albera

Dammi un tormentone. Una canzone che parli di sole cuore amore. Un disco per l'estate (che nel caso specifico è quella del 2001, finita col crollo delle Torri Gemelle).
Mettilo in circolazione. Molto più che un tormentone: un tormento. La prima volta che la sento penso: che stronzata. La seconda volta penso: la odio già. La terza volta penso: giuro che se la sento una quarta volta sparo.
Ma come diceva Luca Carboni “le stronzate piacciono senza un perché”. E la canzone va, vola, virale, contagia le persone, perché non abbiamo sufficienti anticorpi per fermare le epidemie che il pop commerciale ciclicamente propaga. Dillo ora ai “no vax”: pensiamo di esserci vaccinati ascoltando i Nirvana e i Joy Division, ma vogliamo che i nostri figli siano liberi di ascoltare Sole Cuore Amore.

PIOTTA - Il mitico rapper risponde alle domande di Marco Zuppa

Abbiamo incontrato Tommaso Zanello, in arte Piotta, per una lunga chiacchierata in occasione dell'uscita del suo ultimo EP "8 e 1/2". 

1) E' stato recentemente pubblicato il tuo ultimo EP, vuoi parlarcene?

L'EP si chiama "8 e 1/2" e in copertina c'è un ponte, quello che si trova a Roma in Via Ostiense perché è simbolicamente un ponte tra il lavoro precedente "Nemici" e quello che verrà. Inoltre è anche riferito al film di Fellini, in cui il protagonista, Mastroianni, ha 43 anni ossia la mia stessa età quando ho registrato l'EP, e si trova in un momento cruciale della sua carriera, in cui dopo aver cercato nuovi stimoli, parte per un percorso creativo molto ricco. Dato che so come sta venendo il prossimo album, era una metafora calzante. Inoltre trattandosi di un EP, ci si può permettere un titolo "minore". Preferisco che ogni album abbia un titolo che riassuma il contenuto di quel disco.





TUTTA MIA LA CITTA' di Matteo Gorgolione

“Da un’automobile che passa qualcuno grida va’ a casa”, cantava un giovane Maurizio Vandelli al “Cantagiro” del 1969. E avrebbe avuto ragione, questo “qualcuno” in automobile, a gridarmi “va’ a casa”, perché “Tutta mia la città” è una bellissima canzone, un piccolo capolavoro di melodia e produzione. E poi, le prime parole: “No, non verrai, l’orologio della strada ormai corre troppo per noi”. 



CALYPSO CHAOS – Risponde alle nostre domande Laura, la voce della band

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
L’aspetto positivo su ogni altra cosa è il privilegio stesso di fare musica. La musica è una magia, una medicina in grado di proteggerti dalla vita ma allo stesso tempo ha il potere di rovinartela! L’aspetto negativo di per sé non esiste, secondo me tutto quello che di “negativo” può scaturire dalla musica, dipende esclusivamente dalla mentalità e dalle aspettative con cui ci si approccia. Quando riesco a vivere quello che faccio con leggerezza e serenità, raggiungo momenti di felicità e condivisione totale, ma purtroppo non è sempre così. Ci sono volte in cui la musica mi racconta cose di me stessa che forse non avrei voglia di sapere.


Canzoni Gratis

Col concetto di musica Gratis
ci siamo uccisi da soli, noi musicisti.
E' stato un suicidio consapevole e forse necessario.




FLASH (THE DUKE OF BURLINGTON) di Matteo Gorgoglione

La prima volta in cui ho ascoltato “Flash” ero in coda in Corso Principe Oddone. Avevo appena lasciato le bimbe a scuola e mia moglie in Piazza Statuto. Io amo mia moglie e le mie figlie, sia chiaro, ma devo riconoscere che a volte i primi minuti senza di loro sono veramente una boccata d’aria fresca: poi, quasi immediatamente, anche questa aria fresca diventa opprimente, perché mi mancano da subito, ma questo è un discorso che non mi va di fare ora. 

LA BUONANOTTE di Marco Zuppa

"Quand'è stata l'ultima volta che ti sei svegliato sorridendo?"

Questa domanda mi ha colpito all'improvviso come una martellata.
Io so esattamente quando sono felice, solo che a volte faccio fatica a comunicarlo.
Perché se posto una canzone d'amore lenta sul mio profilo Facebook, non sono necessariamente triste e non sto necessariamente pensando a qualcuno.



testi canzoni - accordi canzoni - lista siti

www.testoeaccordi.it

www.accordiespartiti.it

www.skitarrate.it

www.accorditesti.it

1000note.it


ne conoscete altri?



Canzone

Grazie ancora a Lucio Dalla


A TOTAL WALL - Leggi l'intervista alla band

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Ci sono molti aspetti positivi: è un modo di esprimersi diretto e universale, in grado di creare realtà mentali al limite del tangibile (Purtroppo il limite tra tangibile e mentale, tra realtà ed arte è terribilmente frustrante).  E' la forma di espressione più astratta che esista e per questo la consideriamo la più alta. Un aspetto negativo è che richiede un'enorme dedizione e un lavoro infinito, sia in termini di tempo che di impegno; a volte questa cosa passa inosservata.  

Una riflessione sul far sentire canzoni alle (tue) tipe così come la vede PPA di Gigi Cosi

Ho letto con piacere l'articolo di Paolo Plinio Albera e volevo offrire un modesto contributo al tema “far sentire canzoni alle (tue) tipe” e relativi risvolti, irrisolti o irrisolvibili o viceversa. E' vero, questa presa di posizione non migliorerà il mondo della musica, e d'altronde qualcuno potrebbe tranquillamente affermare che per ovviare al problema basterebbe smettere di scrivere canzoni d'amore o nelle quali compaia – in un modo o nell'altro – una figura femminile (è il mio caso) o del genere bramato da chi scrive (tutti gli altri casi a seconda di ciò che piace, of course). Ma siccome oggi sono in vena, mi concentrerò per dire la mia, badando soprattutto ai contenuti poetici del feticcio “canzone”.

WHEN DUE - Leggi la loro intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Beh di aspetti negativi non ne conosco, tranne che, magari, all’inizio sia davvero complicato riuscire a guadagnare qualche soldo ma in compenso suonare, fare musica, è una cosa che ti soddisfa a pieno. Ti realizza e ti fa sentire vivo. Soprattutto quando suoni dal vivo.

IL MESTIERE DELL'AUTORE

Sono aperte le iscrizioni per la 1^ edizione del concorso per Autori e Compositori di Canzoni L’AUTORE - Il mestiere della musica Promosso da Edizioni Curci, Officina della Musica e delle Parole In collaborazione con Art&musica
in palio un contratto editoriale con Edizioni Curci
Il regolamento è scaricabile sul sito: www.lautoreilmestieredellamusica.it
Edizioni Curci e Officina della Musica e delle Parole in collaborazione con Art&musica presentano la 1^ edizione del concorso per giovani autori e compositori di canzoni “L’AUTORE - Il mestiere della musica”, un’iniziativa che vuole offrire l’opportunità agli autori di tramutare il proprio talento in professione. Il primo classificato vincerà un contratto editoriale con Edizioni Curci per un anno, con l’opportunità di lavorare al fianco di grandi autori del “roster” della storica casa editoriale tra i quali Niccolò Agliardi e Luca Chiaravalli. 
L’AUTORE - Il mestiere della musica si svolge da Maggio ad Ottobre 2017 e consiste di una prim…