Il portale della musica Indie italiana
1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
 
Fare musica è l’esperienza più bella e appagante che ognuno di noi conosca. Il lato positivo è questo, anche se spesso non vedi una lira sei appagato. Il lato negativo è che non vedi una lira! 
 
 
2) I talent sono spesso criticati ma secondo Voi perché riscuotono tanto successo?
 
Noi siamo i primi a criticare i talent. Nel disco c’è addirittura un brano dedicato proprio a questo tema e ad altre “strane” tendenze della musica italiana. 
I format sono costruiti bene comunque, sono trasmissioni di successo in tutto il mondo. Il problema che l’Italia ha in pIù rispetto agli altri paesi è che nel nostro paese non esiste una vera alternativa a quel mercato. Non si investe più in progetti nuovi, non c’è più un talent scouting, le case discografiche non amano il rischio. Producono il disco di Tizio dopo che Ë stato 3 mesi in TV e sono sicuri che venderanno un tot di dischi. L’anno prossimo faranno lo stesso con Caio. E cosÏ tirano a campare, senza però alcuna progettualità, alcun filo conduttore, senza arte e forse anche nessun vero artista.
 
3) Credete che sia giusto schierarsi politicamente nella musica?
 
Certo che sì! La musica ha sempre avuto un ruolo sociale e non deve assolutamente perderlo! Ognuno può esprimere ciò che vuole in una canzone, ben vengano temi impegnati, basta che sia tutto spontaneo e genuino.
 
4) Accettereste di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?
 
No. Facciamo di testa nostra sempre e comunque e se avessimo desiderato così ardentemente un  il successo e la notorietà forse avremmo dovuto suonare un altro genere musicale!
 
5) Pensate che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?
Sicuramente sì! Sei sempre in giro, e soprattutto quando gli altri sono in vacanza noi lavoriamo! Vivi al contrario, vivi di notte e gli altri di giorno. Non è semplice gestirsi i rapporti quando fai il musicista! Hai bisogno di persone che ti capiscano intorno a te.
 
6) Siete legati alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?
 
Il nostro rapporto con Roma E’ di odio e amore. E’ la città più bella del mondo, ma è anche quella che più ti mette alla prova, e che ti fa venir voglia di vivere altrove, magari in un paesino sul mare o nel verde insieme ad altre  poche anime.