Passa ai contenuti principali

FARE SENTIRE ALLA TUA TIPA LA CANZONE CHE HAI APPENA SCRITTO di Paolo Plinio Albera

Bene, hai appena scritto una canzone. La più bella di sempre, secondo te, ma per essere sicuro sicuro ti manca un passo. Ti manca un feedback - parola molto brutta che però definisce esattamente ciò di cui hai bisogno.

"Ho appena scritto una canzone, mi dai un feedback?" Non dirai mai alla tua tipa una frase del genere.


"Se ti faccio sentire una roba mi dici sinceramente cosa ne pensi?" Questa già si avvicina alla realtà. Hai anche detto sinceramente - parola molto brutta che definisce solo in parte ciò di cui hai bisogno. Tu speri da lei un parere tipo "meravigliosa", "stupenda", "favolosa", ma se è davvero sincera non ti dirà mai nulla del genere.

E allora prendi la chitarra e inizi. Per l'emozione sbagli l'attacco, "scusa, è la prima volta che la faccio!" Patetico.

Insomma gliela suoni. Lei intanto ti guarda con sorrisone aperto per stemperare il tuo imbarazzo. Tu invece guardi la chitarra, il foglietto col testo, i piatti sporchi nel lavandino, qualunque cosa tranne che lei, che ti ha in pugno nel momento del disvelamento del tuo ultimo tentativo artistico.

(Che è ovviamente una canzone d'amore, come il 99% delle canzoni indie.)

Dopo questa esecuzione imperfetta (quando la strimpellavi da solo era molto meglio) giunge il momento del suo... sì: del suo feedback. 

L'imbarazzo è tutto tuo, lei sembra assolutamente a suo agio. Potrebbe almeno apprezzare il fatto che la stai facendo ascoltare a lei in anteprima ancora prima degli altri del gruppo. Invece no. Ah, tipe.

E nel momento in cui ti aspetti un aggettivo, almeno un "bella", possibilmente un "la più eccezionale canzone che abbia mai sentito nella mia vita", lei ti spiazza. Ti fa una domanda.

"A chi pensavi quando l'hai scritta?"

Houston abbiamo un problema. Questa non te l'aspettavi. Hai due possibilità: 1) dire la verità, 2) dirle quello che vorrebbe sentirsi dire. E spesso le due cose non coincidono. A te scegliere come evitare il possibile incidente diplomatico.

Comunque sia, c'è una cosa che lei non capirà mai. Fare sentire alla tua tipa la canzone che hai appena scritto vuol dire che la ami. A una con cui ti fai solo le storielle fai sentire al massimo le canzoni che già suoni col gruppo.

Il tuo gruppo non ti darà mai i feedback tipo "meravigliosa", "stupenda", "favolosa" che pensi di meritare. La tua tipa sì, ma soltanto se ha la certezza al 1000% che parli di lei e non dell'altra stronzetta con cui ti facevi le storielle.

Caro cantautore indie, che il tuo status sentimentale sia single o fidanzato o sposato o in una situazione complicata, hai vissuto questo struggimento almeno una volta. 

Se non l'hai vissuto, vuol dire che sei la tipa.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.