Passa ai contenuti principali

E BASTA CON STO GIGI D'ALESSIO di Anselmo Cane

Diciamocelo: adesso anche basta! Basta con sto Gigi D’Alessio. Non credete che ci abbiate ammorbato fin troppo? Ma insomma…non ce l’avete un po’ di fantasia? E perché parlo al plurale?? No, ma cosa avete capito…per me Gigi d’Alessio può continuare benissimo a fare il suo mestiere, tanto la sua musica non credo l’ascolterò mai. Ma basta usare il povero Gigi come paradigma della peggiori canzoni mai scritte. 


Avete notato che quando ci si trova tra amici, o si scrive un post a carattere musicale su Facebook, e in particolare se si accenna una critica verso qualche canzone, una lamentela verso qualche artista o anche altri argomenti che poco hanno a che fare con la musica, arriva sempre il simpaticone che ti dice: “Beh allora ascoltati Gigi d’Alessio!” oppure “Beh dai c’è di peggio…magari un cd di Gigi d’Alessio!”…”Ehi oggi non sto molto bene credo di avere l’influenza intestinale” “Ah! Stai scaricando la discografia di Gigi d’Alessio?”. Sempre lui. Possibile? Possibile che davvero ci sia solo lui in Italia che faccia musica criticabile? E soprattutto…perché  proprio lui come bersaglio fisso e non qualcun’altro? Certamente le sue canzoni non sono capolavori che rimarranno nella storia della musica, ma di certo non è l’unico che pubblica album che si perderanno nella notte dei tempi; forse quell’aspetto da sfigatello non lo aiuta, ma che diamine…possibile che la vostra sensibilità sia così assopita? Non ditemi che il motivo risiede nel fatto che sta con Anna Tatangelo…siete così invidiosi? Se è così allora la vostra vita è triste, fatevi due domande.
Io proporrei da oggi di mettere in panchina il “Giggi” nazionale e iniziare ad usare anche altri cantanti e musicisti per condire le vostre simpaticissime battute. Ma ci pensate? “Tutta la mattina col martello pneumatico dei vicini che mi sta trapanando la testa!” “Beh sempre meglio che l’album di Calcutta!” oppure “Che bella giornata che c’è oggi!” “Aspetta di sentire l’ultimo di Dente!”. Non so voi ma io già mi sento meglio. Non resta quindi che farvi una bella lista di tutti i cantautori da usare a rotazione e stupire tutti i vostri contatti su Facebook con le vostre nuove e originali battute! Dai su…tutti a caccia di like!
Ps.: potete usare chi volete…ma guai a chi mi tocca Mungo Jerry, divento una iena.
Pps.: mentre voi riflettete su quanto appena letto, io cerco di diventare il suonatore di bottiglia di Mungo Jerry.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.