Passa ai contenuti principali

DREAM THEATER - Concerto tra immagini e parole di Marco Zuppa

Ieri sera all'Auditorium Giovanni Agnelli si è tenuto l'ultimo concerto in terra nostrana dei Dream Theater e noi siamo andati a curiosare.

La location è una delle più prestigiose che la nostra città offre.
Lo spettacolo si preannuncia come un evento imperdibile per i fan, dato che il quintetto americano ha annunciato un set di 3 ore durante il quale suoneranno per intero "Images and Words" (che compie 25 anni), più un set di classici del loro repertorio.





Lo spettacolo inizia puntualissimo alle 20:30 con il "regular set". Apre le danze una scatenatissima "Dark eternal night", cavalcata prog che mette subito in chiaro le intenzioni belligeranti della band.

Come di consueto i musicisti sono in ottima forma, con un John Petrucci ormai pienamente a suo agio nel duplice ruolo di guitar hero e capobanda nel corso degli intermezzi strumentali.

A metà scaletta troviamo due brani dall'ultimo disco "The Astonishing", cui fa seguito un sipario solista del bassista John Myung che omaggia Jaco Pastorius e ci traina verso una potente versione di "As I am", il cui finale sfocia in un accenno ad "Enter Sandman", brano cui Dream ed il loro pubblico sono particolarmente affezionati.

"Breaking all illusions" chiude il primo set con il pubblico già pienamente soddisfatto.

Dopo una piccola pausa il concerto riprende con l'"Images and words" set.
Il disco, non a caso il più venduto della band, è un concentrato di progressive ed inventiva tuttora ineguagliato.

Il sound resta monolitico e non cede mai un attimo. La partecipazione del pubblico è fortissima anche perché i cinque non si limitano a seguire il copione ma riarrangiano, si divertono e divertono evitando l'effetto juke-box che una simile scaletta comporta.

"Surrounded" è una piacevole perla che viene finalmente rispolverata dopo anni di assenza dai live dei Dream Theater.




"Metropolis pt.1" viene eseguita con potenza e maestria e qui trova spazio un impressionante assolo di batteria di Mike Mangini che finalmente osa alzarsi in piedi e giocare con un pubblico che ormai lo riconosce a tutti gli effetti come il batterista della band, con buona pace dei nostalgici.

La scaletta prosegue come da copione, con una bellissima versione di "Wait for sleep".

Gli encore vedono il gruppo eseguire "A change of season", ultima fatica prima di salutare un pubblico in visibilio che ricambia con una fragorosa standing ovation.  

Una menzione particolare va a un James LaBrie in splendida forma, che regala una performace magnifica, divertente e divertito come non mai, trova il tempo di condividere con il pubblico alcuni aneddoti divertenti sugli inizi della band.

In particolare è interessante scoprire che, dopo aver pubblicato "Images and words", il gruppo si era imbarcato nel tour di supporto all'album, registrando show in cui erano presenti solo 5 o 10 persone.

Una situazione che avrebbe potuto abbattere il morale di molti. Per fortuna non è stato così ed oggi possiamo dire di avere un gruppo valido, fedele al suo genere ma in costante evoluzione, che sa divertire e divertirsi su un palco.

Un bel concerto quindi, eseguito da grandi musicisti, nonché ottimi performer.




Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.