Passa ai contenuti principali

COSA ABBIAMO REALMENTE PERSO IERI di Marco Zuppa

Ieri si è diffusa la notizia della morte di Chris Cornell.
Con lui non perdiamo solo un musicista di straordinario talento.

Con lui se ne va l'ennesimo tassello di un mosaico chiamato Grunge.
I nomi del genere sono noti, Nirvana, Pearl Jam, Temple of the dog, Alice in chains, ecc.

La fine di molti dei personaggi coinvolti in questa scena è purtroppo anch'essa nota.



Cornell è stato solo l'ultima di queste morti.
Forse la più inaspettata e per questo particolarmente sentita da tutta una generazione di persone che in lui vedevano più dell'artista.

Dietro quel fisico asciutto, quella voce potente e altissima, c'era un intero mondo.
Un mondo fatto di musica nata nelle strade e cresciuta in cantine adibite a sale prove. Un mondo di musicisti che trovano nella musica, nella collaborazione reciproca e nella condivisione (quella reale, non virtuale), un modo di reagire ai disagi delle loro condizioni.

Ecco, da quell'affresco oggi manca un altro pezzo.
Un pezzo importante.

La sua assenza lascia un vuoto enorme nella memoria storica di un movimento artistico da cui dovremmo tutti imparare.

Una notizia pesante, che ci ricorda che la merda è sempre lì pronta a travolgerti.
Ecco cosa abbiamo perso ieri.
Un artista e un baluardo.

E la sua assenza peserà tantissimo.

Come una pietra.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.