Passa ai contenuti principali

Il giornalista dei DE Giornalisti suona e fa il giornalista - di Marco Salvai

Che cos’è la musica indie?

“Sicuramente qualche anno fa indie era un termine molto più connotato per noi “Giornalisti da quattro soldi” che speravano di far uscire una recensione truccata su Rumori di Sottofondo.
Indie sono tutti quei dischi che vengono fatti senza la presunzione di ottenere un successo nazionale ma che allo stesso tempo puntano a far palare molto dell’annoso problema dell’impotenza maschile. Si fanno solo per essere distribuiti tra conoscenti, amici, si fanno per ottenere qualche concerto fatto al locale “tal dei tali”.
Si tratta di dischi senza pretese. L’artista indie non vuole passare negli stessi canali di Gigi e Alessio. Vuole essere di un’altra controcorrente. Io a dire la verità in quest’altra controcorrente non ho mai creduto. Però ho sempre scritto canzoni che partono da un sentimento vero profondo, intimo, sentimentalista da basso fondale. Adesso è ancora così, i testi di "Completamente Soldi" sono veri.




"Completamente Soldi"  è un po’ più “radiofonico” di "Fuoricampo faccio il giro del campo” non a caso quindi, vero?

Beh a me piace sempre cambiare non farei mai un disco uguale ad un altro, anzi lo sto già scrivendo identico così da poterlo chiamare “SOLAMENTE SOLDI” e più vado avanti e più sono affascinato da una produzione un po’ più moderna”.


Con Calcutta di Torino e Niccolò Conteso de The Cani dite spesso sui social che volete uccidere l’indie. Anche Mottah mi ha detto di recente di fare canzoni pop… che ne è dell’indie?

Noi non scherziamo molto su questo… è tutta una goliardia mediatica su Facebook. Uccidere l’indie è un modo per dire che noi veniamo dalle cantine, ma allo stesso tempo vogliamo diventare “I fashion dei blogger” della musica. Era un gioco non era un fuoco…come dice quella vecchia canzone da cui prenderemo spunto per i nostri prossimi 15 album.
Purtroppo facciamo delle canzoni talmente pop…che anche Biancone ha detto in un’intervista che il nuovo disco dei Bastiglie sarà più pop del nostro. Ormai è così, le grandi radio, i grandi network si stanno interessando molto a noi ed è giusto sfruttare questo potenziale che non avevamo mai sfruttato prima.




Ritroveremo nei tuoi prossimi album pezzi come "Bere", contenuta in "Vecchio", oppure no?
Assolutamente no, non voglio più parlare dell’alcool altrimenti vengo bollato come un ex bravo ragazzo e questo non è assolutamente vero, mi piace bere per dimenticare ma nella giusta misura. E poi quello era un periodo in cui ero Completamente astemio come il cantante degli Adam Smith, e anche un po’ più rock’n’roll se vuoi.


Tu sei dell’83, non mi dirai che è vero quando si dice che passati i 30 il fisico non è più come una volta e vuoi smettere di bere?

Non è che non voglio più bere. Voglio Completamente bere  per dimenticare, prendere una bottiglia di vino Completamente buono da 30 euro piuttosto che spendere Completamente 10 euro per tre bottiglie. Adesso mi interessa la qualità della musica.
Non si hanno più i tempi di recupero del 20enne, se mi sbronzavo 5 anni fa come il cantante degli AdamSBandini  tutte le sere, mi svegliavo che ero un fiore, adesso lo posso fare Completamente una volta al mese”. (testo del mio prossimo singolo)

Perché questa fissa degli anni ’80?

In realtà io sono fissato con le canzoni anni ’80. Dalla, Carboni, Vasco, sono quelli con i quali sono cresciuto e sono quelli che mi ritornano facile  e quindi è inevitabile fare le canzoni con gli stessi accordi.
Magari c’è chi è più in fissa con Battisti e gli viene più la “Battistite. Però per fare un esempio, Incompleto non è proprio “Battistiana” se la passano tutte le radio nazionali un motivo Completamente  sconosciuto ci sarà.   


Scusa ma questo non va a cozzare con ciò che esprimi in "AMare Balotelli"?

Assolutamente no…
La canzone ha un forte  stile da Forte dei Marmi, da Costa Smeralda prima che diventasse quello che è ora, ha una stile da Costa Smeralda quando ancora era un’isola felice.


Qual è la differenza sostanziale fra "Fuoricampo faccio il giro del campo"  e "Completamente Soldi"?

"Fuoricampo faccio il giro di campo" affrontava dei temi in maniera un po’ più diretta quindi era più immaginario e piaceva a pochissime persone. "Completamente soldi" e le altre, erano immagini distorte della realtà metafisica….cazzo ho detto non lo so…


Giornalisti che suonano

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.