Il portale della musica Indie italiana

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Positivo senza dubbio è l’incontro con la gente,la possibilità di confrontarsi…di negativo la esasperata ricerca del “successo” che nulla ha a che vedere con il fare musica. 




2) Cosa significa per te “Sognare”?

Per me i sogni sono la realtà…un mezzo per stimolarmi a cambiare le tante cose che in nella vita di noi tutti “non vanno”!


3) Il 9 marzo è uscito il tuo disco: di cosa parla?


“L’altro da me” è un disco che indubbiamente parla d’amore,ma in senso universale…l’amore per la vita soprattutto…e anche se può sembrare banale,ci vuole più amore in tutto quello che facciamo,è l’ unica strada percorribile per cambiare le cose!  


4) Approvi la politica nella musica?


Assolutamente no…più che altro ho difficoltà ad approvare la politica da un po’ di tempo…mi sento preso per il culo (scusa il francesismo!) 


5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?


Da un lato si…io sono davvero me stesso solo quando canto e incontro la gente…quando magari sono in fase di produzione e sto chiuso in studio ore ore,divento insopportabile…chiedi a mia moglie o ai miei genitori… 


6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?


Sono legatissimo a Firenze …si respira la vera arte in tutti i posti…ma purtroppo non è capace di darsi da fare per la musica e invece avrebbe posti bellissimi dove suonare!
Io vivrei decisamente a Dublino…dove potrei suonare pure per strada!