Passa ai contenuti principali

FABIO BIALE - La sua intervista

Incontriamo oggi Fabio Biale, violinista e cantautore che nel dicembre 2016 ha dato alle stampe il disco "La gravità senza peso", un viaggio tra Django Reinhardt, Inide Rock e lezioni americane.

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

La musica ti salva: è uno sfogo, un’esigenza, un’attività fisica e psichica. E’ collaborazione e confronto. E’ sfida e percezione del limite. E’ comunicazione universale.
Uno negativo? Talvolta può diventare autoreferenziale.





2) Cosa pensi dei talent show?

E’ un circo, vetrina di abilità tecniche, acrobazie, emozioni epidermiche. C’è la lacrima e il virtuosismo. Volteggi a cavallo, trapezisti e freak. Se in pochi minuti l’esibizione deve sorprendere, mancherà il tempo della riflessione, della sedimentazione delle sensazioni profonde, dei temi universali. E’ barocco ma non umanesimo.
Commercialmente funziona molto bene ma fornisce una visione distorta di cosa sia l’arte che è anche ponderatezza, racconto di quadri più complessi, equilibrio, lentezza e gravità senza peso.

3) Di cosa parla il tuo ultimo progetto?

Di leggerezza. Racconto storie la cui gravità ne insegue il segreto: ci sono eroi, innamorati, assassini, mendicanti; i disillusi e gli indomabili.
Sono tutti racconti che hanno un legame autobiografico diretto. Fatti accaduti, visioni, deduzioni. In una canzone dico: Quando il tono è piuttosto sincero/e ti mostra per quello che sei/e il racconto non è tutto vero/ma tu sei quello lì e lei è lei.” La filosofia è tutta qua.

4) Approvi la politica nella musica?

La politica fa parte della vita dell’uomo, è come l’amore. Spesso chi non ne vuole parlare lo fa per scelta “politica” e mi pare un tantino paraculo. Certamente è un argomento delicato e non sfociare nella retorica e nella banalità non è semplice.

5) La professione dell'artista influenza il tuo rapporto con gli altri?

Inevitabilmente. Talvolta penso falsamente il contrario ma “la gente lo sa che sai suonaresuonare ti tocca per tutta la vita e ti piace lasciarti ascoltare.” Nel bene e nel male, soprattutto in Italia, sei pur sempre il musicista, quello da cui ci si aspetta un sovrappiù di creatività e un difetto di regolarità.

6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?

Amo la mia Liguria, i suoi paesaggi, il clima, la gente un po’ ruvida. Amo la sua musica e le sue tradizioni. Non amo particolarmente Savona che da anni si sta facendo sempre più piccola e provinciale, poco attenta alla sua gente e alla bellezza del suo territorio.
Adoro Roma, le città della Toscana, ma anche Milano ha il suo fascino. Poi c’è la Sardegna dove passo una parte delle mie estati, il Paradiso. Il Nord Europa, l’Irlanda, la Germania di Berlino e Colonia.
Mi piace muovermi, ma non sono un viaggiatore, sono cosmopolita ma sto benone anche a casa. La mia geografia è luogo della mente anziché reale. Per ora riporto tutto a casa e resto qua.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.