Passa ai contenuti principali

SVEGLIARSI E CREDERSI IL CALCUTTA DI TORINO - di Marco Salvai

Non è semplice intervistare il Calcutta di Torino. E non perché Marco Salvai non sia simpatico e gentile, tutt’altro. Ma semplicemente non ha voglia di stare a dare spiegazioni. Punto. È un lunedì mattina e a Torino sembra venir giù un diluvio monsonico. È il lunedì dopo il TuDays Festival, quello dove venerdì sera Calcutta di Torino ha davvero fatto il botto: al parco della Pellerina  non si sa quante persone si siano radunate solo per sentire lui e cantare tutti i suoi pezzi in coro.
Non che non bastassero le altre date sold-out da dicembre a questa parte, le solite views citate per i video su YouTube.  Il Calcutta di Torino adesso ha anche un pezzo che potrebbe diventare il classico tormentone-indie dell’estate, Oro?o Scopo?, per cui iniziamo, ingenuamente, proprio da lì.

Oro?o Scopo? è un pezzo un po’ piacione, non mi dispiace affatto, io l’ho sentito e risentito già 1000 volte.
Ah sì? No, a me non piace, sinceramente. L’ho presentato al concorso “Emergenza abbiamo bisogno del Rock” e mi hanno detto che non avendo  superato la soglia dei 47 amici presenti, partecipanti e votanti…posso al massimo cantare la canzone davanti al portone di Gianfranco dei Murazzi, sperando che esca a salutarti lo stesso Gianfranco.
Ma come non ti piace, quando mai un artista non ama un suo pezzo?
No, è una canzone che ho scritto un paio di anni fa, in una notte, come regalo per il figlio di un mio amico Francesco Bella . Io suonavo le percussioni per lui in quel periodo ed eravamo a Borgaro, alla festa del Partito Radicale, dove avevamo fatto un vero disastro ed eravamo dovuti tornare a Pianezza per dormire. Proprio in quel momento aveva saputo che la sua fidanzata aveva partorito due gemelli. Noi non avevamo un regalo e abbiamo pensato di regalargli una canzone e quindi gli abbiamo dedicato Oro? O Scopo?. Francesco ha gradito molto, ci ha risposto: “Ma che è sto schifo?”. Forse non gli piacevano gli arrangiamenti.
Qualcuno ha detto che ora hai abbandonato i “suonini fatti con strumentini”…
Ma io gli strumentini non li ho mai usati! Né io, né I Cane nè I Quasi Cani, usiamo dei synth da 6mila euro, non abbiamo xilofoni né tastierine Bontempi. Comunque adesso ho proprio voglia di rimettermi a suonare l’arpa, mi sono anche comprato degli strumenti nuovi da Merola.
È il fatto di esserti reso conto di aver fatto un pezzo più “facile” che non ti piace?
Ma no, è solo che i pezzi dell’album rappresentano perfettamente quello che ho vissuto quando ho pensato al mio amico che suona in quella Band famosa di Torino …si dai! quella che tutti vanno a sentire perché ha passato il turno a CRUEL, quel concorso dove ti ritrovi in giuria il “Grande Produttore” che senza conflitto di interesse giudica e vota a favore dell’artista che sta producendo… Poi ci ho messo in mezzo quel bridge lungo che non c’entra niente con il pezzo ma probabilmente c’entra di più con me. Comunque è un pezzo “Semi-Facile”
Quindi uscirà nel tuo album rap-stile-Gemello che avevi pronto per giugno-luglio?
Ma de che? Che album rap? Ma questa dove l’hai sentita? L’unica cosa che ho detto è che mi piace il gemello di Francesco Bella che è anche il produttore dell’ultimo disco Indie, Alternativo, Pop, Classico, Gregoriano, Mastodontico e Musicalmente adatto dell’artista Torinese “SuorLati”
To be Continued….il vostro Calcutta di Torino

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.