Passa ai contenuti principali

PROOFTOP - Conosciamolo

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Se con "fare musica" intendiamo anche i  non professionisti, pensiamo che non ci sia un lato negativo nel farla: è una passione;  senza dubbio è bene porsi degli obiettivi e crearsi aspettative, ma va presa per il verso giusto, altrimenti finirai per odiarla e basta. Come tutte le passioni richiede tempo, dedizione e anche un sostegno economico, soprattutto se si vuole andare oltre per tentare di farne una professione. 




2) ​I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?

Il talent è puro intrattenimento mediatico, il 90% della gente capta e assorbe tutto quello che vede in tv e sui social, più le cose sono "pompate", ben costruite e più ne parla, più ne segue. D'altronde tutto ormai "dura" meno del previsto; conta molto il pacchetto di presentazione e ci passa davanti con una rapidità allucinante. Basta pensare che esce un telefonino ogni 3 mesi, così come ci sono almeno 4-5 personaggi nuovi all'anno frutto dei talent, che poi hanno vita artistica altrettanto breve. 

3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?

Per il genere musicale che facciamo noi, Il Rap nasce proprio come musica di protesta... poi che si sia persa questa identità è un'altra storia; È giusto poter parlare di qualsiasi cosa e quindi anche di politica. Il vero problema per un artista che intraprende questo percorso rimane quello di cercare si essere Super  Partes, cioè denunciare, ma senza  schierarsi in modo netto. 

4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

I compromessi fanno parte della vita, basta sapere a che cosa si sta puntando. 
È come dire: "raggiungerei il mio obiettivo a qualunque costo". Per ciò che ci riguarda non siamo di questa idea, o meglio la sposiamo solo in parte. Se il compromesso significa investire soldi, pratica, studio e sperimentare diverse collaborazioni allora siamo già pronti, ma se significa cambiare testi, argomenti e genere musicale per vendere di più sarebbe un torto a noi stessi. È come dire "non andrei mai ad Amici manco se mi pagassero"  e poi prego Maria perchè mi dia la possibilità di farlo perchè è l'unica via per arrivare subito ... si chiama ipocrisia no? e noi non siamo ipocriti. 

5) Pensi che fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

Nel nostro caso quando dici che fai musica Rap c'è chi ti vede sotto un altra luce e chi è fomentato e ti porta sul palmo della mano. Noi siamo così e non ci cambia il fatto di fare musica o meno, perchè siamo noi, la musica ci aiuta con noi stessi più che con gli altri. Avremmo avuto gli stessi rapporti anche se non avessimo suonato nemmeno il flauto, come loro amano noi per come siamo e non per quello che facciamo. 

6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?

Esistono vari posti nel mondo sicuramente più belli o più all'avanguardia, Whisky ha vissuto per un periodo a New York ed è stata una magnifica esperienza; 

In Italia se riesci a spostarti a Milano puoi senz'altro avere opportunità diverse dato che è una città piena di movimento, di affari, di etichette discografiche, per fortuna che internet ha accorciato di molto le distanze. Comunque siamo entrambi nati a Roma e alla fine torniamo sempre qui perchè ci lasciamo il cuore.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.