Passa ai contenuti principali

I BLUVERTIGO ESCONO DA MORGAN (UNA DECADE DI DECADENZA) di Paolo Plinio Albera

Caro Morgan, mi permetto di ricordarti che 10 anni fa eri un artista che scriveva e suonava cose abbastanza fantastiche.


Nel 2007 usciva “Da A ad A”, secondo e ultimo album di inediti di Morgan. Io e Matteo Gorgoglione eravamo casualmente vicini di casa e questo disco ci piaceva molto, anche se era complicato. Era il tempo in cui le cose complicate non andavano di moda (stava emergendo Dente).


“Amore assurdo” era una canzone meravigliosa. Talmente bella da strappare anche un mite consenso da parte di Niccolò Bosio che odia sempre tutti.




Morgan era artista libero e giocondo e quando l'ho visto dal vivo era da solo col pianoforte, capelli neri lunghissimi, irresistibile come sempre. In un delirio di cazzeggio ha fatto tutta “Bohemian Rhapsody” dei Queen. Poi ha fatto “Questo piccolo grande amore” imitando la voce di Claudio Baglioni. Only the brave. (Solo quelli bravi)


E poi? Godiamoci una decade di decadenza...


E poi ci sono stati i dischi di cover, in cui Morgan reinterpretava i classici della canzone italiana. Benché dei classici non ce ne freghi una beneamata, l'abbiamo comunque rispettato.


E poi ci sono stati gli anni di X-Factor, e io tutti i giovedì incollato su Rai2 a vedere Morgan personaggio televisivo geniale molto più di Manuel Agnelli se devo dire la verità.


E poi c'è stato il Sanremo dove Morgan è stato escluso all'ultimo momento perché ha detto in un'intervista che fumava crack e poi è andato a chiedere scusa a Bruno Vespa a “Porta a Porta”.


E poi c'è stata una mezza reunion dei Bluvertigo con qualche mezzo concerto e un inedito portato a Sanremo, “Semplicemente”, titolo poi sciacallato da un altro gruppetto indie pop.


Morgan, sai che c'è? Hai rotto il cazzo. Sono dieci anni che bisogna fare un disco vero. E tu trovi tutte le scuse, prima le cover, poi X-Factor, poi il crack, poi Sanremo, ne hai sempre una. E faccio finta di non ricordarmi di quando sei andato ad Amici! Non ti voglio più vedere. Scissione!


Questo non l'ho detto io. L'ha sicuramente detto Andy dei Bluvertigo o almeno l'ha pensato. Sarebbe dovuto uscire un album a nome Bluvertigo, ma uscirà a nome Morgan. O almeno così si dice.




E allora i Bluvertigo vogliono fuoriuscire da lui e continuare senza. Ma non gliel'hanno neanche detto. Come credono di tirare avanti senza Morgan? Pensano che nessuno se ne accorga?


Certo però che il nuovo logo post-scissione è amabile. Falce e martello composta da un punto esclamativo e un punto interrogativo. La buona vecchia sinistra! Il partito comunista! I valori del socialismo! Fanno bene? Fanno male? Sto bene sto male?


Godiamoci un'altra decade di decadenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.